sabato 1 ottobre 2016 - Aggiornato alle 19:12
9 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:19

Ramadan, cardinale Bassetti all’Imam Qader: «Prego con voi il Dio Misericordioso»

Gli auguri dell'arcivescovo di Perugia a tutta la comunità musulmana: «Dobbiamo vivere in pace e costruire una società più giusta»

Ramadan, cardinale Bassetti all’Imam Qader: «Prego con voi il Dio Misericordioso»
L'imam Abdel Qader

«Caro fratello, il susseguirsi di eventi – positivi e negativi – che segna il nostro pellegrinaggio nel tempo, mi conferma nella convinzione che come cristiani e musulmani abbiamo il dovere irrinunciabile di diffondere la consapevolezza che è possibile vivere insieme e in pace, edificando una società più giusta e fraterna, degna dell’uomo fatto ad immagine di Dio creatore, attenta soprattutto a quanti sono segnati dalla sofferenza e dalla povertà». Inizia così il messaggio inviato all’inizio del Ramadan (il mese di digiuno dal 6 giugno al 5 luglio) con cui il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti formula gli auguri alla comunità musulmana, presente nell’Archidiocesi di Perugia-Città della Pieve, e in particolare all’Imam Moh’d Abdel Qader.

Dio misericordioso «In questo inizio del Ramadan – aggiunge il cardinale – uno dei pilastri fondamentali della vostra fede, desidero rinnovare a Lei e a tutta la comunità musulmana l’espressione della mia cordiale simpatia e l’assicurazione del mio ricordo e della mia preghiera al Dio Misericordioso».

Gli auguri della Chiesa All’augurio dell’arcivescovo Bassetti si associano l’Ufficio diocesano per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso, diretto da don Mauro Pesce, e il Centro ecumenico e universitario “San Martino” in Perugia, nel quale è cresciuto negli anni il dialogo tra la comunità cattolica e quella musulmana grazie alle attività culturali promosse dal Centro ecumenico con la partecipazione dello stesso imam Qader. «L’osservanza del digiuno del Ramadan coinvolge anche nella nostra regione alcune migliaia di persone, e questo – sottolinea la presidente del Centro ecumenico Annarita Caponera – è uno dei cinque pilastri dell’Islam che chiede a tutti i musulmani praticanti adulti e sani, dalle prime luci dell’alba e fino al tramonto, di non mangiare, bere, fumare e praticare sesso. Al tramonto il digiuno viene interrotto con un dattero o un bicchiere d’acqua. Poi segue il pasto serale. Il Ramadan – aggiunge la prof.ssa Caponera – dura 29/30 giorni e la sua fine quest’anno verrà celebrata martedì 5 luglio con la Festa di “id al-fitr”».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250