sabato 1 ottobre 2016 - Aggiornato alle 12:22
15 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 15:56

Radio Subasio: concertone da brivido in un centro storico all’altezza della sfida

Rifiuti disseminati lungo corso Vannucci e piazza IV Novembre, nessun evento di rilievo sulla sicurezza e al pronto soccorso. I numeri

Radio Subasio: concertone da brivido in un centro storico all’altezza della sfida

di Maurizio Troccoli
Twitter@MauriTroccoli

Il giorno dopo il concertone dei 40 anni di Radio Subasio, è momento di bilanci e la città si risveglia con un altro evento da appuntare tra quelli che si ricorderanno a lungo.

FOTOGALLERY U24, IL CONCERTO E LO SPETTACOLO DI CORSO VANNUCCI
EVENTO STORICO A PERUGIA

Polemiche e grandi numeri Come sempre e come, forse, è fisiologico, non sono mancate polemiche e neppure dettagli che possono essere gestiti con maggiore accuratezza, ma mette tutti d’accordo sostenere che si è assistito a una organizzazione efficace. Nessun evento di rilievo si segnala nè al pronto soccorso dell’ospedale perugino, nè sul fronte della sicurezza, nonostante i grandi numeri. Il piano ‘flessibile’ messo a punto dalla prefettura e coordinato dalla polizia ha funzionato ed è stato riconosciuto anche dall’organizzazione dell’evento da sopra il palco, alla fine del concerto. Ci si attendeva tanta gente, ma i giovani giunti a Perugia e, in generale, le presenze hanno superato, in maniera significativa, ogni rosea aspettativa. Sia i flussi in salita, durante l’arco della giornata e attraverso le direttrici programmate, sia il deflusso in discesa, a partire da metà concerto e proseguito fino a circa le 2.30, ha funzionato senza sbavature. Controlli anche con metal detector fin dalla mattina e code a Pian di Massiano quando il concerto era già iniziato. Fatti documentati che, da soli, restituiscono la cifra del fenomeno da gestire. Quanto ai numeri possono essere indicati quelli massimi di contenimento come ampiamente raggiunti: al massimo 18 mila tra piazza IV Novembre e l’intero corso Vannucci e altre 6-7 mila sia in piazza Matteotti che piazza Italia.

FOTOGALLERY: L’ATTESA E’ UNO SPETTACOLO
TRASPORTI E MAXISCHERMI
FOTOGALLERY: I LAVORI IN CENTRO
IL DUOMO ILLUMINATO CON IL VIDEO MAPPING

Un modello di organizzazione Nonostante le calche e qualche ingorgo attorno all’area del centro storico, la ‘macchina’ ha funzionato in tutti i suoi ingranaggi. Segnalati diversi interventi da parte delle ambulanze, predisposte attorno all’anello che ha circondato il perimetro del concerto, ma anche questi sono stati compiuti senza creare panico e in maniera efficiente, predisponendo, nell’immediatezza, corridoi di accesso dei mezzi di soccorso, che si sono dimostrati tempestivi, favorendo, di conseguenza, un comportamento composto da parte dei presenti. Il coordinamento delle forze di polizia con la protezione civile, gli operatori del pronto soccorso, i vigili del fuoco, i vigili urbani, i carabinieri e gli agenti di tutti gli altri corpi intervenuti per meglio rispondere al piano straordinario, e ancora: gli operatori del minimetrò e di tutti i mezzi di trasporto, oltre ai volontari predisposti nei punti caldi e negli accessi, si è dimostrato all’altezza di una organizzazione che sarà replicata, come modello, per i grandi eventi di Perugia, particolarmente nell’area sensibile del centro storico.

Interventi sanitari  Sono state dieci le richieste di soccorso dei partecipanti alla grande festa nel centro storico cittadino.«Malori passeggeri, legati il più delle volte a stanchezza e stress – riferisce Mario Capruzzi, responsabile del pronto soccorso perugino all’ufficio stampa dell’azienda ospedaliera di Perugia-. Sette persone sono state soccorse sul posto dai volontari della Croce Rossa e di altre associazioni, tre, per motivi precauzionali sono transitate in pronto soccorso, ma dopo i controlli di routine sono stati dimessi». Il piano prevedeva 8 autoambulanze dislocate in più punti strategici del centro storico. Durante il concerto è stato disposto l’arrivo di un altro mezzo del 118 dotato di tutte le più avanzate tecnologie necessarie in caso di emergenza grave.

POLEMICA SU PASS PER ASSESSORI E CONSIGLIERI
LA PRESENTAZIONE DEL CONCERTO

Rifiuti disseminati nel centro storico Anche quando gli accessi sono stati tutti transennati non si sono registrati momenti di tensione significativi di nota da parte dei tanti presenti che erano comunque pressati alle spalle dal flusso di gente che continuava a salire e che voleva entrare nell’area del concerto, diventata ‘off limits’. Se qualche momento di calca e di tensione è stato registrato è relativo alla fine del concerto, quando, nell’area tra piazza Matteotti e via Oberdan si sono incrociati i flussi in salita e in discesa, con le transenne chiuse. Alle prime luci dell’alba di domenica viene segnalata la diffusa presenza di rifiuti, nota dolente ma contemplata dell’appuntamento, prevista fino al punto da predisporre una task force di operatori ecologici, in azione fin da poco dopo il deflusso.

Perugia connessa Lo spettacolo è stato quello dei grandi appuntamenti di Piazza che Perugia archivia e ricorda nel tempo. Una cornice storica spettacolare, arricchita con un gioco di luci e di proiezioni in grado di creare atmosfere e ambientazioni emozionanti, artisti di calibro nazionale e internazionale, divertimento, clima disteso e caloroso tra il pubblico. Quanto basta per fare di Perugia una delle piazze più ambite dalle grandi organizzazioni di spettacoli. Anche gli artisti dal palco, oltre a lanciare messaggi ai giovani, nel segno della pace e della bellezza, hanno avvertito di doversi complimentare con questa città che ha saputo accogliere un evento dai grandi numeri. Non è mancato, infine, il segno di una sensibilità dei tanti giovani presenti, spesso priva di attenzione, ma che sabato sera ha raggiunto il pensiero del cardinale perugino, quella che ha voluto un minuto di silenzio per i martiri cristiani, nel bel mezzo di un evento chiassoso e caotico. Perugia, la città che si candida a capitale europea dei giovani, ha dimostrato di essere connessa alle loro vibrazioni.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO
  • Ariete_

    tra le 21 e le 23.30 ci saranno state almeno 40’000 persone…

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250