venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 08:37
26 aprile 2016 Ultimo aggiornamento alle 12:06

Quando Sordi chiese a Burri: «Me lo regala un quadretto?». I diari inediti di un amico del Maestro

In libreria «Alberto Burri. L'amicizia» che raccoglie le memorie di Matteo Fortuni, suo medico personale e sodale di una vita

Quando Sordi chiese a Burri: «Me lo regala un quadretto?». I diari inediti di un amico del Maestro
La copertina del libro

Gianni Agnelli un giorno arriva in elicottero a Città di Castello per visitare palazzo Albizzini e incontrare Alberto Burri, che rimane «esterrefatto» dalle «domande puerili» fatte dall’Avvocato. «Maestro produce, produce?». Il suo commento con me: «Non faccio mica le macchine!». E poi, di nuovo Agnelli: «La sua annata migliore è il 1952?». E Alberto a me: «Non faccio mica il vino!». Alla fine conclude: «Non ho capito se è ignorante o se sfotte». L’episodio è ricordato dal dottor Matteo Fortunati, detto Tito, nel diario finora segreto che racconta un sodalizio durato un’intera vita. Il libro si chiama «Alberto Burri. L’amicizia» ed è edito da Maschietto Editore (pagine 224, 16 euro) con prefazione di Bruno Corà, presidente della Fondazione Burri, e commento di Guelfo Guelfi, componente del cda della Rai. Il volume verrà presentato giovedì a Firenze alle 18, a palazzo Strozzi, nell’ambito di una delle iniziative a corredo della mostra «Da Kandinsky a Pollock», di cui Burri è uno dei protagonisti.

Il libro «Tito» Fortuni (nato nel 1920 e morto nel 1999), anche lui di Città di Castello, di Burri oltre che medico personale è stato amico fraterno, confidente, consigliere e nel corso della sua vita ha collezionato anche alcune opere del Maestro. Dopo la morte di Burri Fortuni è stato anche tra coloro che hanno dato vita alla Fondazione. Nel diario si raccontano i momenti privati di due persone che hanno seguito un percorso simile: entrambi sono medici, appassionati di calcio e tifosissimi del Perugia e la loro amicizia è durata nel tempo. Nelle pagine dunque non mancano gli aneddoti sul calcio, i passaggi importanti della carriera del Maestro, come la realizzazione del Grande cretto di Gibellina, l’incontro con Joseph Beuys, la mostra a New York, le aste, l’acquisto dei seccatoi del tabacco e tanti altri.

Sordi e Burri Un Burri che dà giudizi taglienti, sugli artisti ma non solo. Esemplificativo a tal proposito un incontro con Alberto Sordi, datato 9 novembre 1977, che Fortuni ricorda nel libro: «Maestro – gli disse l’attore – non è che mi regala un suo quadretto, magari anche uno di quelli che non le piacciono e che butta via?». E il Maestro neppure rispose, ma così commentò: «Ma che razza di gente esiste al mondo? Se gli interessasse avere una mia opera non gli mancherebbero certo i soldi per comprarla! Questa è la tipica mentalità dello scroccone romano».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250