sabato 1 ottobre 2016 - Aggiornato alle 06:54
30 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 13:30

Quadrilatero, stimati 6 mila veicoli per il primo giorno. Perosino: «Cantieri tra più veloci d’Italia»

Tir in panne nella galleria Cupigliolo, Anas: «Primo test a sistemi Sos perfetto». In cantiere summit tra Confcommercio e Confindustria di Umbria e Marche

Quadrilatero, stimati 6 mila veicoli per il primo giorno. Perosino: «Cantieri tra più veloci d’Italia»
Foligno-Civitanova (foto Chiara Fabrizi)

di Chiara Fabrizi e Daniele Bovi

«Secondo stime da prendere con le molle sulla Foligno-Civitanova nell’arco delle prime 24 ore dovrebbero transitare tra 6 e 7 mila veicoli, per il momento non ci sono picchi di traffico vediamo cosa succede nella serata di venerdì». Così Raffaele Celia, capo compartimento Anas Umbria, sui flussi della nuova statale 77 dove intorno alle 20 di giovedì sono anche stati testati i sistemi di sicurezza.

LA DIRETTA DELLA GIORNATA
Inaugurazione: fotogallery
L’apertura delle due strade: video

Stimati 6 mila veicoli per il primo giorno A schiacciare per il primo tasto Sos è stato un autotrasportatore che viaggiava in direzione Marche e che ha dovuto fare i conti con un guasto al mezzo pesante all’interno della galleria Cupigliolo, in territorio umbro. Il camionista ha accostato il mezzo in una delle piazzole di sosta presenti nel tunnel e con la colonnina del Sos ha richiesto l’intervento di soccorso: «Immaginate – ha spiegato Celia – i disagi che un tir in panne avrebbe causato sulla vecchia ss77». Il dirigente Anas è intervento alla firma del protocollo con il Comune di Perugia, presente il sindaco Andrea Romizi, che mira a tenere più pulite le strade di competenza Anas che insistono nel territorio municipale. Al fianco di Celia, Guido Perosino amministratore unico della Quadrilatero spa che è tornato a ribadire: «Riguardo alla realizzazione della Foligno-Civitanova e della Perugia-Ancona siamo molto soddisfatti, credo siamo tra i primissimi posti in Italia per rapidità di realizzazione delle opere infrastrutturali, certo che erano attese da decenni, ma la società Quadrilatero è stata costituita nel 2003 e i cantieri sono stati installati nel 2009. In pochi anni abbiamo realizzato un’opera che per le sue caratteristiche ingegneristiche ha pochissimi simili in Italia; e che peraltro è inserita benissimo nel paesaggio».

Video: intervento di Renzi integrale
Video: interviste ad Armani, Marini, Romizi e Perosino
Scavi archeologici restituiscono 3000 anni di storia: foto
Quasi otto anni di lavori, i volti degli operai: foto

Quadrilatero tra delatori ed entusiasti E poi: «Per quanto riguarda la Perugia-Ancona a breve sistemeremo lo stato della strada nel tratto tra Casacastada e Gubbio. Su questa direttrice abbiamo sempre detto che il tratto marchigiano l’avremmo terminato a fine 2017, se va male slitteremo a inizio 2018, perciò – ha concluso – davvero non capisco tutti quelli che oggi si affrettano a sottolineare che l’opera non è completata. È come se si volesse vedere sempre il bicchiere solo mezzo vuoto». Ma così non è, almeno per i rappresentanti delle associazioni di categorie umbre che all’indomani dell’apertura delle due direttrici ribadiscono la grande occasione di sviluppo che rappresenta per i territori. Tant’è che sono già iniziate le prime interlocuzioni tra le sezioni territoriali umbre e marchigiane di Confindustria e Confcommercio con l’ambizione di convocare una serie di summit a stretto giro per sviluppare nuovi rapporti e potenziare gli esistenti. Prematuro per ora stimare l’impatto economico che avrà per le imprese umbre la Quadrilatero, in questo senso nessuno dispone di stime, ma da Confindustria a Coldiretti è chiaro per tutti che i benefici di tunnel e viadotti sono destinati a farsi sentire su turismo e commercio, e per imprese e industrie anche su approvvigionamenti di materiali e strategie commerciali.

La protesta dei residenti di Scopoli
TUTTO SULLA MACROREGIONE
TUTTO SULLA QUADRILATERO

Confindustria In particolare sulla Perugia-Ancona il presidente della sezione Gubbio-Gualdo, Matteo Minelli, a Umbria24 spiega: «Per il nostro territorio è fondamentale finire il tratto tra Fossato di Vico e Fabriano ma siamo stati rassicurati che nel giro di un anno e mezzo sarà ultimato. Intanto – prosegue – l’apertura di ieri per le aziende dei nostri territori rappresenta una sfida culturale per il momento tutta umbra, visto che arriviamo a Perugia in venti minuti, ma dovremmo riuscire a fornire quei servizi che finora non offrivamo, penso in particolare al turismo che in termini di strutture nella nostra area è povero. Chiaro poi che l’infrastrutture inciderà sensibilmente sui costi di trasporto che finora ci hanno reso poco concorrenziali». Analogo il tiro del collega Paolo Bazzica, presidente della sezione folignate di Confindustria: «Per il territorio che si estende fino a Spoleto è sicuramente una grande opportunità per mettere in rete operatori e aziende e questo è di per sé già un grosso valore aggiunto. Probabilmente – prosegue – si modificheranno alcune situazioni commerciali, penso in particolare a porto di Ancona, ma ne gioverà anche anche il mondo del lavoro».

Confcommercio e Coldiretti Pronto a farsi valere nelle vicine Marche, il presidente regionale di Confcommercio, il folignate Aldo Amoni: «L’opera è importantissima e su questo non si discute – dice – il mio dubbio sul terziario è che a beneficiare della nuova ss77 saranno soprattutto i marchigiani che tra mare e calzaturifici attireranno ulteriormente la domanda di riferimento umbra. Quindi da parte nostra dobbiamo essere attenti a trovare la contropartita, che sì può essere turistica ma su cui occorre lavorare, per questo stiamo lavorando alla definizione di un summit con la Confcommercio marchigiana». E al turismo guarda anche Coldiretti Umbria: «Verosimilmente il migliore collegamento col porto di Ancona inciderà per le grandi industrie alimentari, ma per i piccoli, pensiamo – spiegano dall’associazione dei produttori – agli agriturismi la differenza la faranno i visitatori». Intanto ci si prepara al primo weekend estivo con le nuove ss77 e ss318.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250