venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 10:18
25 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 12:35

Povertà, da settembre via alle domande per il Sia: coinvolte 6.300 famiglie umbre

Il Sostegno per l'inclusione attiva presentato a Panicale: «In Umbria disponibili 54 milioni, per la prima volta una misura concreta»

Povertà, da settembre via alle domande per il Sia: coinvolte 6.300 famiglie umbre
La presentazione con Paparelli e Barberini

Già da primi giorni di settembre in Umbria sarà possibile, per le oltre 6.300 famiglie potenzialmente interessate, presentare domanda presso le amministrazioni comunali per poter accedere ai benefici previsti dal progetto Sia (Sostegno per l’inclusione attiva), che prevede sussidi da un minimo di 160 euro ad un massimo di 400 euro, erogabili tramite una “social card” per un periodo di 12 mesi.

Sia: 54 milioni In Umbria, per il combinato disposto tra risorse nazionali e della Regione Umbria, saranno disponibili circa 54 milioni di euro per i prossimi tre anni, per il sostegno di azioni di contrasto e lotta alle povertà. Azioni che però si pongono l’obiettivo di aiutare queste famiglie a poter modificare in positivo la loro condizione economica, attraverso progetti che ne favoriscano l’avvicinamento al mondo del lavoro e della formazione. È quanto è emerso nel corso di un incontro organizzato dalla Regione Umbria per l’illustrazione del progetto Sia al teatro comunale di Panicale, hanno partecipato il vicepresidente della Regione, Fabio Paparelli, e l’assessore regionale alla Sanità, Luca Barberini, presente il sindaco della città, Giulio Cherubini.

Misure concrete «Per la prima volta – ha affermato il vice presidente Paparelli – potremo disporre di misure concrete per mettere in atto positive azioni di contrasto alle povertà, e di sostegno alle tante famiglie che in questi anni, a causa della crisi economica, hanno vissuto un grave aumento della loro condizione di povertà e disagio. La assoluta novità di questo progetto varato dal Governo, e che come Regione Umbria stiamo sostenendo convintamente tanto da aver voluto aggiungere alle risorse statali anche circa 12 milioni di euro del nostro bilancio, è che queste azioni saranno mirate, attraverso specifici progetti, a consentire ai cittadini di potersi reinserire nel mondo del lavoro ed a superare così una condizione di disagio sociale, oltreché economico».

Comuni fondamentali «Il ruolo dei Comuni e dei territori – ha aggiunto l’assessore Barberini – sarà fondamentale nella gestione di queste azioni. In questo modo anticipiamo anche i contenuti del nuovo Piano sociale regionale che vuole mettere al centro della politiche sociali proprio i Comuni. Ciò in quanto sappiamo bene che è proprio questo livello istituzionale ad essere più vicino ai bisogni dei cittadini che stanno peggio. Tanto più sapremo realizzare un buon gioco di squadra, tanto più saranno efficaci le azioni che stiamo mettendo in campo». Barberini ha voluto inoltre sottolineare come in questo caso «non ci troviamo di fronte a iniziative ‘spot’, bensì abbiamo a disposizione misure stabili per i prossimi anni che ci consentiranno interventi strutturali che, mi auguro, possano aiutare molte famiglie e migliorare la loro condizione».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250