martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 19:13
20 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:23

Porta Vecchia vince la Festa del Rinascimento: Acquasparta si tinge di giallo e blu

Conlcusa la 17ma edizione dopo dodici giorni di festa e cultura, Dal Bosco soddisfatto

Porta Vecchia vince la Festa del Rinascimento: Acquasparta si tinge di giallo e blu
La festa dei contradaioli

MULTIMEDIA

Guarda le foto

A Porta Vecchia la 17esima edizione della Festa del Rinascimento. Dopo il tiratissimo Palio della Lince, con la vittoria assegnata al ghetto per i migliori tempi su giro e il testa a testa senza tregua durante il Grande gioco dell’oca, sono stati determinanti i punteggi nel Teatro di Contrada e la sfida sul Piatto rinascimentale.

Festa del Rinascimento: fotogallery

Vince Porta Vecchia Porta Vecchia diventa così custode delle chiavi di Acquasparta per il terzo anno consecutivo. Grande la soddisfazione dei contradaioli giallo blu, che si sono lasciati andare a balli e canti di gioia dopo mesi d’impegno e duro lavoro, prove, riunioni, fatica e tensione. «Purtroppo ci può essere un solo custode della città – afferma Alessandro Dal Bosco, presidente dell’Ente Il Rinascimento – dopo un anno di lavoro vorremmo premiare la dedizione di ogni contradaiolo». La manifestazione dal 2000 incontra sempre di più il favore del pubblico, dei giudici nazionali che vi partecipano e degli sponsor di alto profilo che sposano con piacere la cura dei particolari, la ricerca storica, la passione e l’orgoglio degli acquaspartani.

Dodici giorni di festa e cultura Un’edizione memorabile della Festa del Rinascimento, dedicata alle erbe spontanee e alle piante officinali, con un’attenzione particolare alle attività per i bambini e la promozione dell’eccellenza enogastronomica del territorio (16 le cantine in mostra con Vino a Palazzo), che getta le basi per una crescita esponenziale anche oltre i confini regionali. «L’intento è sempre stato creare non solo dodici giorni di festa per la città, con giostra e taverne – continua Dal Bosco – ma una serie di appuntamenti culturali e creativi capaci di restituire la dimensione e la portata del fermento intellettuale ed artistico nel Rinascimento, nonché del ruolo di Acquasparta all’epoca del suo illustre signore Federico Cesi, fondatore dell’Accademia dei Lincei».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250