venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 22:17
9 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 10:16

Pony express della cocaina arrestato dalla polizia. Consegne in bici a domicilio: il tesoro era nel baule

Due etti di 'neve' e contanti. Gli agenti sequestra quattromila euro ad un 25enne di Bastia Umbra: «Non lavora, è il suo reddito da spacciatore». In camera trovato un barattolo di creatina

Pony express della cocaina arrestato dalla polizia. Consegne in bici a domicilio: il tesoro era nel baule
Il sequestro: droga e creatina

di Enzo Beretta

Pony-express della cocaina. Consegne a domicilio in bicicletta. Arrestato dalla polizia di Assisi un giovane pusher di 25 anni, il «maggior spacciatore» della ‘neve’ della piazza di Bastia Umbra. Dentro un baule gli agenti hanno trovato due etti di polvere bianca, bilancini di precisione, un barattolo di creatina e quattromila euro. «Non lavoro più da due anni ormai, questi soldi li ho guadagnati spacciando», è questa la versione che avrebbe fornito agli investigatori che poche ore prima gli avevano trovato in tasca tre grammi di cocaina.

Pusher in bicicletta Il pony-express della droga è stato bloccato nei giorni scorsi dagli agenti del commissariato (diretti da Francesca Di Luca) impegnati nell’attività di contrasto allo spaccio e all’uso di droga. Stando alla ricostruzione della polizia il 25enne, nonostante la giovane età, era un pusher importante capace di rifornire i propri clienti «in maniera rapida» mediante «consegne a domicilio per la città» effettuate «a bordo della sua bicicletta». Qualche sera fa è stato fermato proprio mentre pedalava: in tasca aveva tre dosi.

Il forziere Nel baule in camera da letto – è stato detto – nascondeva altri due etti di cocaina insieme a due bilance, creatina per il taglio dello stupefacente e altri oggetti sequestrati dalla polizia. I quattromila euro erano suddivisi in banconote da 20 e 50 euro. «Per sua stessa ammissione – scrive la questura in un comunicato – dichiarava fossero provento della sua attività illecita, non svolgendo alcun lavoro da più di due anni». Il giudice ha convalidato l’arresto e ha imposto al giovane l’obbligo di firma e l’obbligo di dimora nel Comune di Bastia. Dalle 21 alle 7 non potrà uscire. Neanche a piedi.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250