giovedì 20 giugno - Aggiornato alle 15:24

Terni, statalizzazione Briccialdi: Gentiletti in pressing sul sindaco

Interrogazione su rapporti con la Regione e tavoli aperti per superare le criticità

 

La sede del Briccialdi

«Rappresenta un’eccellenza del territorio e merita di essere difeso e sostenuto. Accoglie circa 280 allievi, gran parte provenienti da fuori Terni e rappresenta un punto strategico di alta formazione e cultura». Così, nelle premesse di un’interrogazione rivolta al sindaco Leonardo Latini e alla sua giunta, il consigliere di Senso civico Alessandro Gentiletti descrive il Briccialdi, finito recentemente nell’occhio del ciclone per l’occupazione, da parte dei prof, dell’istituto musicale per cinque giorni. «È intollerabile – tuona Gentiletti – che i docenti non abbiano ancora ricevuto tutte le mensilità arretrate».

Briccialdi Non solo per lo stipendio hanno intrapreso la clamorosa iniziativa gli insegnanti. «Il 13 maggio – ricorda il consigliere – presso l’istituto musicale Briccialdi si è svolta una assemblea pubblica dei docenti anche al fine di conoscere lo stato del percorso di statalizzazione dell’istituto stesso ed il suo futuro. Era presente il vicesindaco assessore Andrea Giuli. Nei giorni successivi si è recato presso l’istituto il vicepresidente della Regione Fabio Paparelli che, a seguito delle dimissioni della Marini assumerà l’incarico di presidente facente funzioni. Costui ha dichiarato e confermato a mezzo stampa che la Regione stessa è disponibile ad attivarsi per contribuire alla risoluzione della situazione, anche con un intervento di carattere economico. A tale intervento è seguita la replica del vicesindaco assessore Giuli che ha invitato ad evitare scorciatoie’. Il percorso di statalizzazione coinvolge tre diversi livelli ministeriali ed impone l’intervento economico anche del Comune di Terni, attualmente in dissesto.

Statalizzazione «Cosa ha fatto finora l’amministrazione comunale e cosa intende fare per favorire il percorso di statalizzazione dell’istituto? – chiede Gentiletti -. Quali sono gli impedimenti che ostacolano a ciò e come si intende rimuoverli; cosa intendeva il vicesindaco assessore Giuli con ‘evitare scorciatoie’ e come l’amministrazione intende beneficiare del supporto della Regione a tal proposito e a tal fine? Quali tavoli sono attualmente attivi e quali si intende attivare per la risoluzione delle problematiche emerse?». Le risposte probabilmente al prossimo question time.

I commenti sono chiusi.