venerdì 21 settembre - Aggiornato alle 02:35

Terni, il segretario generale in commissione: sul tavolo l’istruttoria sul caso Federighi

L’esponente di Palazzo Spada convocato dalla Controllo e Garanzia per chiarire alcuni passaggi sulle procedure di incompatibilità

di Massimo Colonna

Tocca al segretario generale Giuseppe Aronica essere ascoltato in quarta commissione consigliare, a Terni, per la questione dell’applicazione della Legge Severino per il quasi ex consigliere comunale di Forza Italia Raffaello Federighi, che lunedì vedrà formalizzarsi la decadenza a suo carico. Il segretario infatti è stato convocato dal presidente della commissione, l’esponente del Movimento Cinque Stelle Thomas De Luca, proprio per avere chiarimenti in merito ai procedimenti che sono stati seguiti da Palazzo Spada per la questione Federighi.

I temi sul tavolo In particolare al segretario generale verrà chiesto, in sostanza, di chiarire le procedure amministrative portate avanti nei mesi scorsi, ossia dopo il risultato delle elezioni, e che avrebbero dovuto far emergere l’incandidabilità dello stesso Federighi al ruolo di consigliere comunale. Incompatibilità che è emersa poi invece soltanto a seguire, su mandato della prefettura.

Dopo Federighi Nel frattempo dalla seduta di lunedì in consiglio comunale, l’assemblea voterà la presa d’atto della decandenza di Federighi, con il subentro di Valeria D’Acunzo, primo nome dei non eletti in consiglio per Forza Italia. La D’Acunzo subentrerà a Federighi poi anche in quarta commissione, mentre a breve il partito azzurro dovrà prendere una decisione per stabilire il nuovo capogruppo di Palazzo Spada: sul tavolo ci sono i nomi della D’Acunzo e di Lucia Dominici, l’altro consigliere dei forzisti che potrebbe ambire al ruolo.

@tulhaidetto

I commenti sono chiusi.