giovedì 13 dicembre - Aggiornato alle 14:09

Terni, scontro in consiglio tra Masselli: «Pagliaccio» e Gentiletti: «Maleducato»

Solidarietà di Angeletti al compagno di banco, poi il capogruppo di Fratelli d’Italia si scusa

 

Non convincono le ragioni dell’assessore Marco Cecconi sulla procedura Mepa per l’affidamento dei servizi sociali, piuttosto che la gara europea. Dall’opposizione fanno notare che «l’importo è al limite della soglia e che non è consigliabile perseguire tale strada». All’annuncio di astensione, da parte del consigliere Alessandro Gentiletti, il ‘dirimpettaio’ in aula, Orlando Masselli di Fratelli d’Italia ha reagito d’impulso e tacciato il capogruppo di senso Civico di essere un «pagliaccio». Gentiletti è allora intervenuto per fatto personale e replicato: «Mi duole dover constatare che oggi il consigliere Masselli si è mostrato diverso da come tutti lo ritengono, ovvero una persona educata». Solidarietà a Gentiletti è stata espressa dal capogruppo di Terni immagina Paolo Angeletti. A quel punto, non appena ripresa la parola, Masselli si è scusato: «Chiedo perdono, ho utilizzato un linguaggio inappropriato verso una persona che peraltro stimo». «Accetto le scuse – dichiara Gentiletti – ma il linguaggio non è consono. Quando vengono attaccati sul piano politico – dice riferendosi alla maggioranza – rispondono con gli insulti? Non si fa».

I commenti sono chiusi.