mercoledì 23 ottobre - Aggiornato alle 16:11

Terni, sindaco annuncia riunione maggioranza: Fiorini termina occupazione consiglio

Fi e Fd’I col dente avvelenato e Carroccio duro con l’ex leghista, intanto Cecconi rompe il silenzio con un post su Facebook

Nella settimana successiva a quella di Ferragosto il sindaco Leonardo Latini chiederà una riunione di maggioranza, alla quale saranno invitati a partecipare tutti i gruppi consiliari e i consiglieri che sostengono l’attuale amministrazione. Il primo cittadino di Terni lo ha annunciato alla vigilia di Ferragosto liberando così il consigliere Emanuele Fiorini nel giorno di festa, al terzo giorno di occupazione della sala consiliare. «Ci sono voluti tre giorni e due notti – fa notare Fiorini – ma alla fine il sindaco ha aderito alla mia richiesta. Finalmente potremo confrontarci sulle scelte fatte e quelle future per il bene della città, perché questa non è una battaglia fine a se stessa. Pertanto da questo momento termino l’occupazione di Palazzo Spada e ringrazio tutti i cittadini che in questi giorni mi sono stati vicini con tante attestazioni di solidarietà, il corpo della polizia locale, soprattutto gli agenti che con abnegazione hanno vigilato sulla mia presenza in consiglio comunale».

Rimpasto della discordia e arriva la riunione di maggioranza «L’obiettivo – dice il sindaco – è quello di rilanciare insieme l’azione politico-amministrativa, raccogliendo indirizzi, stimoli, suggerimenti dalla maggioranza che fin qui ci ha sostenuto e che ringrazio per l’apporto che ci ha fornito in moltissime circostanze, da ultimo nella complessa vicenda dell’approvazione degli atti programmatori riguardanti il bilancio. Proprio da quella coesione e da quel sostegno siamo pronti a ripartire per tutte le incombenze, gli impegni e i progetti che ci attendono per questo scorcio d’estate e per il prossimo autunno».

Fi Negli ambienti Forzisti intanto la manovra sovranista di Latini non è certo passata senza colpo ferire. Il coordinamento ternano del partito di Berlusconi dovrebbe riunirsi dopo Ferragosto ma intanto Catia Polidori labcia un messaggio al sindaco: «Abbiamo perso un assessore (Sonia Bertocco ndr) e non ne sappiamo il motivo. Sono cose mai successe». Delusione politica e umana come sottolinea la capogruppo Fi Lucia Dominici. In casa Fd’I, invece, una riunione interna pare esserci già stata e seppure c’è massimo riserbo non è difficile credere che si respiri un certo clima di tensione visto l’avvicendamento nell’esecutivo tra Marco Celestino Cecconi (ora del tutto fuori da Palazzo Spada) e Orlando Masselli delegato al Bilancio. L’ex assessore, almeno ufficialmente, ha rotto il silenzio solo mercoledì con un post su Facebook.

Fratelli d’Italia stigmatizza il metodo utilizzato per il rimpasto di giunta del sindaco Latini e solo ‘recapitato’ a Fd’I nei giorni scorsi. Il coordinatore regionale, senatore Franco Zaffini, e quello provinciale Eleonora Pace, hanno chiesto un incontro urgente al primo cittadino per confrontarsi sulle decisioni prese e sul da farsi per il prossimo futuro, «decisioni – sottolineano – che sin qui certamente non sono improntate al rispetto né al confronto tra forze politiche alleate. L’azione politica e amministrativa di Fratelli d’Italia e dei suoi amministratori – si legge in una nota del partito – è sempre stata improntata alla massima collaborazione e al sostegno concreto delle scelte operate dal sindaco che abbiamo sostenuto con lealtà dal primo minuto. Ecco perché, consapevoli delle grandi aspettative che i cittadini di Terni un anno fa hanno riposto nella coalizione guidata da Leonardo Latini, e consapevoli dell’enorme lavoro che ci attende, riteniamo urgente un confronto sincero e schietto dal quale partire con soluzioni e scelte condivise al fine di non vanificare lo sforzo qualitativo e quantitativo che Fratelli d’Italia ha messo in campo con tutti i suoi componenti sia in Giunta che in Consiglio».

Occupazione consiglio comunale Intanto da Palazzo Spada, il consigliere del gruppo Misto Emanuele Fiorini  ha ancora ufficalizzato lo stop dell’occupazione ma la Lega ha avuto il tempo di attaccare duramente l’ex militante: «Forse ignora che è nei pieni poteri del sindaco revocare e assegnare deleghe che riguardano gli assessori. Quindi la sua pittoresca messa in scena non solo non ha alcun senso dal punto di vista politico-istituzionale ma produce anche un danno ai cittadini ternani. Infatti la sua occupazione solitaria del consiglio comunale costringe mezzi e risorse della polizia municipale, che in questi giorni di Ferragosto e di alta concentrazione turistica, dovrebbero essere impiegati altrove. Per esempio alla Cascata delle Marmore per gestire i visitatori che stanno arrivando da ogni parte d’Italia. Sarebbe dunque meglio che Fiorini ponesse fine a questa farsa che sa solo di ripicca personale e si concentrasse, insieme a tutta la maggioranza e al sindaco – nel rispetto del mandato elettorale assegnatogli dai cittadini – a lavorare in maniera coesa in un momento di forte difficoltà per la città che necessita ancora oggi di un impegno comune per uscire da questa difficile
situazione».

 

I commenti sono chiusi.