giovedì 27 febbraio - Aggiornato alle 21:29

Terni, la Lega sceglie il nuovo capogruppo in consiglio comunale: è Federico Brizi

L’incarico assegnato all’ex FI dopo il testa a testa con Cini. Stefano Antonietti lascia il Carroccio e passa a FdI

Federico Brizi (foto Rosati)

di Lorenzo Pulcioni

Federico Brizi è il nuovo capogruppo della Lega in consiglio comunale a Terni. Questa la decisione presa dal partito dopo che nei giorni scorsi la questione era finita sul tavolo visto che l’ex capogruppo, Leonardo Bordoni, è stato scelto per entrare in giunta dal sindaco Leonardo Latini.

La scelta L’incarico di Bordoni nell’esecutivo, da regolamento, è incompatibile con quello di capogruppo e allora ecco che la Lega si è vista costretta a scegliere un nuovo nome. Il ‘testa a testa’ con Federico Cini si è risolto con la scelta che è caduta sul consigliere eletto nelle fila di Forza Italia e poi passato con il Carroccio dopo un breve passaggio al gruppo misto.

Il commento «I più sentiti ringraziamenti ai colleghi consiglieri per la fiducia accordatami e a Leonardo Bordoni per il proficuo lavoro portato avanti in questi mesi – le parole di Brizi riportate in una nota diffusa dalla Lega – il lavoro del gruppo Lega proseguirà nell’azione di sostegno al sindaco Latini e alla giunta nel percorso intrapreso per lo sviluppo della città».

Saltamartini «Complimenti e auguri di buon lavoro a Federico Brizi – spiega in una nota il commissario provinciale della Lega, on. Barbara Saltamartini – Sono certa che il suo impegno, insieme a quello degli altri dieci nostri consiglieri comunali, darà un ulteriore supporto all’amministrazione guidata dal nostro sindaco Leonardo Latini contribuendo a realizzare quel cambiamento richiesto dai ternani e per il quale in questi primi 18 mesi di governo della città già tanti frutti ha dato».

L’addio Intanto in casa Lega si registra anche un addio. Quello di Stefano Antonietti, uno dei fondatori del Carroccio a Terni nell’estate del 2014 che passa a Fratelli d’Italia. «Il successo del nostro sindaco Leonardo Latini è stata una gioia immensa – scrive Antonietti in una nota – ha premiato tanti anni di sacrifici fatti, tutti partendo da tre amici in un garage. Una delle più belle sensazioni della mia vita. Non rinnego l’esperienza con la Lega e gli anni passati per cambiare la città anzi, gli ideali sono ancora quelli, ma quando il progetto non lo senti più tuo e quando a parlare sono persone che non conoscono il territorio e i suoi cittadini, è giusto che si vada oltre. Ho iniziato a far politica per poter cambiare nel mio piccolo quello che non ritenevo giusto della mia città e del territorio in generale. Infine – conclude – non rinnego le bellissime emozioni, primo fra tutte la vittoria delle elezioni ternane, ma Fratelli d’Italia mi ha dato quella fiducia che pensavo di aver perso nella politica. Abbracciamo gli stessi ideali, la Meloni è una persona in gamba nonché l’unica donna a capo di un partito. Mi affido al gruppo degli amici e amiche di fratelli d’Italia che mi hanno accolto come uno di loro fin da subito».

I commenti sono chiusi.