domenica 23 febbraio - Aggiornato alle 01:47

Terni, debiti e crediti tra Comune e Asm: il giallo della delibera, scatta l’esposto

Palazzo Spada pubblica un atto diverso da quello che è stato votato in consiglio comunale

La sede di Asm (foto F. Troccoli)

di Lorenzo Pulcioni

Esposto dei consiglieri comunali Pasculli, Simonetti e Pococacio del M5S e Filipponi del PD al segretario generale del Comune di Terni, alla Procura della Repubblica di Terni e alla Corte dei Conti dell’Umbria per la pubblicazione da parte del Comune di Terni di una delibera diversa da quella che era stata votata in consiglio comunale.

Il pasticcio La questione riguarda l’approvazione dello schema di accordo transattivo tra Comune, Asm e Cns. Ovvero l’annosa questione della ripartizione dei debiti e dei crediti tra il Comune e l’Asm. La ‘svista’ potrebbe portare l’amministrazione ad annullare in autotutela la delibera e inserire la questione all’ordine del giorno del prossimo consiglio in programma lunedì.

L’esposto La delibera di giunta comunale n. 339 veniva approvata lo scorso 30 ottobre e portata in consiglio comunale il 25 novembre, corredata dalla proposta di deliberazione al consiglio comunale che riportava parere tecnico contabile favorevole espresso dalla dirigente comunale l’8 novembre 2019. Dopo l’esame in III commissione, la delibera è stata votata e approvata quindi il 25 novembre. Ma sul sito del Comune risulta, scrivono nell’esposto i consiglieri di M5S e PD, «in diversi e sostanziali passaggi, difforme dalla proposta approvata dal Consiglio Comunale».

I commenti sono chiusi.