domenica 20 agosto - Aggiornato alle 19:17
Il teatro Verdi di Terni (foto Marta Rosati)

Terni, la giunta dà l’ok al nuovo corso del Verdi: revoca per l’assegnazione dei lavori

Inizia l’iter per il rilancio dello storico teatro come annunciato dall’assessore Corradi, ma c’è l’ipotesi contenzioso con l’azienda

di Massimo Colonna

C’è l’ok della giunta alla delibera che inaugura il nuovo corso sul teatro Verdi. Nella riunione di giunta di giovedì mattina è arrivato dunque il primo passo formale del percorso annunciato nei giorni scorsi dallo stesso assessore ai Lavori pubblici Sandro Corradi. L’esecutivo del sindaco Leopoldo Di Girolamo ha definito dunque il passaggio della delibera con cui il Comune revoca l’assegnazione dei lavori di ristrutturazione del teatro.

Nuovo progetto Una decisione che a questo punto potrebbe anche dare il via ad un contenzioso legale tra amministrazione e azienda: ipotesi questa già in qualche modo messa in preventivo dai tecnici comunali. «Per il Verdi – ha spiegato Corradi nei giorni scorsi – inizia un nuovo progetto: l’amministrazione comunale ha valutato non accettabile il rapporto tra costi e benefici del progetto posto in essere in precedenza». Da qui dunque l’arrivo alla revoca dell’affidamento, sulla base di motivazioni che attengono alla sicurezza sismica. In sostanza l’investimento previsto in quel piano non forniva sufficienti migliorie alla struttura dal punto di vista antisismico. «Questo consentirà – ha proseguito l’assessore – di contenere i costi riducendoli da 12/13 milioni a 6/7. Seguirà a settembre l’avvio del percorso condiviso per il concorso di progettazione internazionale, che prevede l’istituzione di una commissione valutatrice formata da professionisti di assoluto spessore».

@tulhaidetto