lunedì 27 maggio - Aggiornato alle 12:28

Tardani prova a uscire dal ginepraio del centrodestra: «Mi candido a sindaco con “Progetto Orvieto”»

La capogruppo di FI ufficialmente in campo, Umbria next la sostiene. Ora la palla passa tra i piedi di Lega, forzisti e Fdi

Roberta Tardani

di D.B.

Dal ginepraio in cui è finito il centrodestra di Orvieto prova a tirarsi fuori Roberta Tardani, capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale. Sabato Tardani ha deciso di mettere ufficialmente sul tavolo la sua candidatura a sindaco con la lista civica Progetto Orvieto, «un nome – dice – che ricorda un periodo positivo per la città, caratterizzato da unità di intenti e da molte cose positive». Già vicesindaco ai tempi di Toni Concina Tardani al momento è gradita alla Lega, che tornerà nelle prossime ore a riunirsi per decidere il da farsi, e a un pezzo di Forza Italia, più che altro quello che fa riferimento al deputato Raffaele Nevi. Proprio le contorsioni interne a Forza Italia hanno rappresentato uno dei problemi per il centrodestra orvietano: nelle settimane scorse infatti il coordinamento comunale di FI aveva fatto il nome di Roberto Meffi, vicesegretario provinciale messo però in freezer dal coordinamento regionale. Nelle prossime ore dunque Lega, forzisti e Fratelli d’Italia sono chiamati a una scelta, nella consapevolezza che un fronte diviso potrebbe avvantaggiare il centrosinistra.

CENTRODESTRA, LE CANDIDATURE NEI COMUNI

Tre in campo In questo momento in campo ci sono ufficialmente, oltre a Tardani, il cardiologo Andrea Mazza (espressione di un pezzo di mondo cattolico), che si è proposto come civico con le porte aperte a tutti coloro che vorranno appoggiarlo, e il sindaco uscente Giuseppe Germani, sul quale però deve arrivare il via libera dei dem. Quanto al M5S, così come nel 2014 potrebbe essere nuovamente Lucia Vergaglia a correre per i pentastellati ma, in questo caso, non c’è nulla di deciso. Nel frattempo con Tardani si schiera Umbria Next, il movimento del consigliere regionale Sergio De Vincenzi: «Sosterremo con convinzione è detto in una nota – l’approccio che anima “Progetto Orvieto”, che ha come obiettivo principale quello di riconnettere una città duramente provata da una crisi di identità devastante. E questo avverrà attraverso il coinvolgimento diretto delle persone e delle famiglie orvietane. Le stesse che animano le istituzioni, le imprese e le associazioni. Il percorso civico, politico e sociale di Roberta parla da sé e si è sempre coniugato con costanza e competenza a quello istituzionale attraverso una prospettiva “dal basso”, finalizzata all’ascolto».

IL CENTROSINISTRA PARTE DA 48 A 11

LA MAPPA POLITICA DELL’UMBRIA

Presentazione a breve «Progetto Orvieto» sarà presentato a breve e Tardani promette che sarà «una proposta ampia e inclusiva»: «I tempi della politica – sostiene – non sempre coincidono con le urgenze dei cittadini. Mi auguro che questa lista civica possa diventare la casa comune di colore che concretamente e seriamente intendono lavorare per il bene della nostra città. Sarà una proposta ampia e inclusiva in grado di mettere insieme e valorizzare le migliori energie, competenze ed esperienze sia civiche che politiche per la creazione di nuovo protagonismo cittadino capace anche di superare l’isolamento cui siamo stati relegati. Il tutto nella convinzione che per Orvieto non servano ricette miracolose né salvatori della patria, c’è già tutto quello che serve al suo rilancio. C’è però bisogno di una scossa che infonda nuovamente fiducia e speranza per tornare a credere in questa città, nelle sue innumerevoli potenzialità e soprattutto nelle istituzioni che si candidano a guidarla».

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.