Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 26 novembre - Aggiornato alle 10:56

Taglio liste d’attesa, Pd: «La verità è che ti spediscono in qualsiasi parte dell’Umbria per una visita»

La denuncia: «A Terni reparti chiusi per mancanza di personale e pronto soccorso ridotto a degenza breve»

Uno dei reparti dell'ospedale

L’accusa è che per ridurre le liste d’attesa un azniano sarà costretto a recarsi in qualunque posto dell’Umbria per una prestazione sanitaria. Lo mette nero su bianco il Partito democratico puntando il dito contro il piano della Giunta regionale che definisce «un misto di non detto e di copiato dai precedenti documenti, lasciando i cittadini sempre di più abbandonati al proprio destino». «La presa in carico del paziente direttamente dal medico di base – spiegano i consiglieri dem – fa parte del piano varato da noi nel maggio 2019 e rimasto inattuato. C’è però, in quello che ha previsto il centrodestra, una bella parte mancante rispetto al nostro: non si parla di fondi per l’assunzione del personale, noi avevamo stanziato 6,4 milioni, avevamo previsto l’allungamento degli orari, il blocco dell’intramoenia e una serie di iniziative necessarie al raggiungimento dell’obiettivo. Quello che non viene specificato del Piano anti-liste d’attesa della Regione, inoltre, è che diventa possibile effettuare la prestazione richiesta in qualsiasi luogo dell’Umbria e, se per esempio non riesci a recarti da Terni a Città di Castello per un’analisi, la tua prenotazione viene cancellata. Prima il servizio prevedeva invece la messa in lista d’attesa per il luogo più vicino, in maniera tale da evitare alle categorie più fragili dei veri e propri viaggi della speranza e numerosi chilometri di disagi. In questo contesto diventa impossibile poi inviare solleciti tramite mail».

Terni I consiglieri del Pd denunciano anche una grave situazione che riguarderebbe l’ospedale ternano: «Ci risulta, per esempio, che all’ospedale di Terni siano stati chiusi dei reparti a causa della mancanza di personale. Il Pronto soccorso risulterebbe impazzito e diventato un luogo di degenza breve. In tutto questo, la pressione verso il personale medico e sanitario, che continua a svolgere il proprio ruolo con competenza e dedizione, raggiunge livelli di guardia. Per non parlare del fatto che sono in scadenza i contratti di infermieri e Oss, assunti anche con l’emergenza covid. Personale fondamentale per il contrasto alla pandemia, che invece di essere stabilizzato, rischia di essere espulso dal posto di lavoro, alla luce del cratere provocato dalla dissennata gestione covid, che ha costretto la dirigenza della sanità umbra al blocco delle assunzioni, con tutte le ripercussioni neanche immaginabili per il sistema sanitario»

I commenti sono chiusi.