lunedì 20 maggio - Aggiornato alle 22:41

Stroncone al voto, due liste civiche: candidati sindaco Malvetani e Serafini

Almeno due gli aspiranti successori di Falcini, centrosinistra: il Pd si riunisce in assemblea il prossimo 5 aprile

Giuseppe Malvetani - lista civica 'Stroncone riparte'

Stroncone in pieno fermento elettorale, ufficializzate due candidature per la poltrona di primo cittadino e molto probabilmente non saranno le uniche. Il sindaco uscente Falcini non si ripresenta, ma intanto sciolgono le riserve il promotore finanziario Marco Serafini e l’attuale presidente di Confagricoltura Terni e vicepresidente della Camera di Commercio Giuseppe Malvetani. Entrambi spostati verso destra, si presentano ufficialmente come civici e non hanno per ora, almeno ufficialmente, l’appoggio di alcun partito politico. Stando ai rumors locali però, Serafini piace alla Lega che ha recentemente perso la referente comunale, mentre su Malvetani ormai da settimane e settimane pare stesse lavorando soprattutto Forza Italia. Lo scacchiere politico insomma è tutto da definire e alle elezioni amministrative, si sa, non sono da escludere neppure progetti trasversali come potrebbe essere proprio quello di Malvetani. Il Pd, del resto, deve ancora decidere: i dem hanno calendarizzato un’assemblea locale il prossimo 5 aprile.

Comitato Stroncone civica «Dopo alcuni mesi di confronto con movimenti, partiti e soprattutto cittadini, ho deciso di dare la mia disponibilità per candidarmi a sindaco di Stroncone». Così il 44enne Marco Serafini. «Dopo una lunga ed approfondita riflessione – aggiunge – ho deciso di correre per la poltrona di primo cittadino superando calcoli, convenienze e attendismi, che non mi appartengono, ho deciso di accettare la sfida che raccolgo in nome e per conto dei tanti compaesani ed amici che in queste settimane mi hanno affettuosamente espresso la loro fiducia. Il mio paese, nel quale sono nato, cresciuto e nel quale vivo con la mia famiglia, merita oggi più che mai di essere protagonista e vivere una nuova fase di rilancio politico, sociale e culturale. La mia candidatura civica, fatta con orgoglio ma senza protagonismo, spero possa allargarsi fino ad assumere le caratteristiche di una ‘importante ed aggregante coalizione per il futuro’ nell’interesse unico di Stroncone. Ben conoscendo le attuali difficoltà delle amministrazioni locali, le problematiche di un territorio vasto ed importante come quello del Comune di Stroncone, e l’isolamento che oggi più che mai tutti i piccoli borghi purtroppo subiscono, urge il supporto ed coinvolgimento di tutta la cittadinanza, di tutte le associazioni e di tutti i movimenti presenti sul territorio».

‘Stroncone riparte’ «Ringrazio e raccolgo l’invito, arrivatomi trasversalmente da più parti e da molti amici che ho avuto modo di incontrare in queste settimane – dichiara invece Malvetani – a dare la mia disponibilità per la candidatura a sindaco di Stroncone. Una scelta meditata a lungo, presa non a cuor leggero, consapevole delle difficoltà del momento e del grande impegno necessario per risollevare questo territorio da una situazione non
certo florida. Una sfida che mi onora, che accetto con umiltà e spirito di servizio, nella speranza di riuscire a mettere a frutto le esperienze e le conoscenze maturate in questi anni quale amministratore di società, enti ed associazioni di categoria, per poter costruire, insieme a tutti i cittadini che, come me, lo hanno a cuore, il futuro di questo nostro paese. Un futuro che non può prescindere da alcuni fondamentali punti fermi: lo sviluppo economico ed occupazionale, la sicurezza dei cittadini, la cura del territorio, sia del centro storico che delle frazioni, il turismo, i servizi per il sociale, l’associazionismo e lo sport. Ringrazio i promotori della lista civica “Stroncone Riparte” per aver riposto in me tanta fiducia. Una lista, quella con la quale intendo presentarmi, che vuole coniugare esperienza e rinnovamento, nella consapevolezza che solo con entrambe si possa avere la garanzia di una amministrazione efficiente ed incisiva. Rivolgo, quindi, a tutti i cittadini l’invito a voler superare eventuali particolarismi e divisioni del passato per dare il proprio contributo alla riuscita di questo progetto che mette al centro un unico interesse, quello di Stroncone e dei suoi abitanti».

I commenti sono chiusi.