sabato 18 agosto - Aggiornato alle 14:36

Spoleto, Rinnovamento con De Augustinis: «Polo scolastico? Atti opposti, scopriremo verità»

Anche il candidato sindaco del centrodestra incontra Biondi del M5s: «Loro lagnanze su Prociv sono giuste»

Da sinistra: Graniti, De Augustinis e Loretoni (foto Fabrizi)

di C.F.

«Abbiamo rilevato atti con tendenze opposte sulle condizioni della scuola media Alighieri e della scuola dell’infanzia Prato Fiorito_ riteniamo che un’amministrazione almeno decente abbia il compito di scoprire la verità e poi eventualmente prendere una decisione sullo spostamento delle sedi» ossia sulla costruzione del nuovo polo scolastico di San Paolo. A dirlo il candidato sindaco del centrodestra Umberto De Augustinis alla presentazione della lista di Rinnovamento, la forza civica guidata dal presidente Pierfrancesco Graniti e del capolista l’assessore ai lavori pubblici Angelo Loretoni, che ha rotto l’alleanza nata quattro anni fa con Spoleto popolare del vicesindaco Maria Elena Bececco. Qui il magistrato di Cassazione ha anche evidenziato come sull’area centralissima della Dante Alighieri «ci siano possibilità edificatorie» che fanno alzare il livello di guardia.

TUTTI I CANDIDATI AL CONSIGLIO
ELEZIONI AMMINISTRATIVE: TUTTI I COMUNI

Sul tavolo delle priorità, comunque, i candidati al consiglio comunale di Rinnovamento hanno posizionato «l’emergenza lavoro e il dramma della povertà che si è abbattuto su molte famiglie; la riorganizzazione della Protezione civile, assicurando maggiori livelli di operatività; e la difesa dell’ospedale San Matteo, in particolare blindando l’emergenza-urgenza». Inedite, invece, le proposte di avviare «una ricognizione di tutti gli artisti presenti in città, che potrebbero essere un valido alleato del Comune per varie attività, a cominciare dalle luminarie natalizie» e pure la «creazione di una griffe Moda Spoleto con le imprese del comparto tessile, gli studenti medi della città e altre realtà, che ogni anni potrebbero poi organizzare una sfilata in piazza Duomo, offrendo un’altra occasione di sviluppo alla città». De Augustinis, in particolare, ha raccolto la richiesta di riorganizzare la Protezione civile e ha poi rivelato di aver avuto un incontro con Tommaso Biondi, che avrebbe dovuto essere il candidato sindaco del M5s, salvo poi non ricevere la certificazione dallo staff nazionale: «I Cinque stelle hanno ragione sulla Protezione civile, ho incontrato Biondi e le loro lagnanze sono giuste». La corte al M5s, insomma, non la fa soltanto il vicesindaco Bececco, ma anche il magistrato di Cassazione appoggiato dalla coalizione a cinque liste del centrodestra.

@chilodice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.