domenica 22 aprile - Aggiornato alle 01:04

Spoleto, malinteso con Bececco e il centrodestra si slancia: «Alle elezioni corriamo da soli»

Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e lista Due Mondi accendono la campagna per le amministrative di maggio, ma Bececco precisa: «Mai chiuse porte in faccia»

Maria Elena Bececco (foto Fabrizi)

di Chiara Fabrizi

È un malinteso la miccia che accende la campagna elettorale per le amministrative di maggio, forse dei primi di giugno. Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d’Italia e la lista Due Mondi hanno annunciato che alle comunali correranno da soli, con «un percorso autonomo e distinto» dall’attuale amministrazione comunale, come comunque già fatto quattro anni fa, quando a conquistare il municipio con due liste civiche (Rinnovamento e Spoleto popolare) fu Fabrizio Cardarelli, stroncato un mese fa da un malore.

VESCOVO: «A SPOLETO SERVE GOVERNO GENEROSO»
PD SLITTA CONGRESSO: PALLA A MICCIONI

Malinteso con Bececco Alla base della prima mossa di posizionamento c’è, ufficialmente, un breve intervento del vicesindaco Maria Elena Bececco, che parlando del Dna civico di Rinnovamento, comunque più vicino al centrodestra (tanto che sul simbolo di Spoleto popolare compare anche quello di Ncd di Alfano), sembrava voler escludere dal perimetro di eventuali alleanze per le amministrative proprio le forze politiche di quell’area. Poche parole espresse a margine di una conferenza stampa, su cui il vicesindaco oggi precisa: «Rinnovamento è un progetto civico trasversale aperto a tutti gli uomini e le donne che vogliono lavorare per il bene della città. Non ci sono chiusure verso nessuno, ma l’obiettivo deve essere realizzare un progetto per dare un futuro a Spoleto».

Centrodestra corre da solo per il Comune Ma non basta. Tant’è che Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d’Italia e la lista Due Mondi allungano il passo verso le urne, rivendicando il proprio ruolo: «Le parole del sindaco facente funzione Maria Elena Bececco riportate dalla stampa – si legge in una nota congiunta – chiariscono finalmente e in modo inequivocabile  l’effettiva collocazione dell’attuale maggioranza comunale, che si pone fuori dal perimetro del centrodestra. Alla prossima tornata amministrativa di maggio il centrodestra di Spoleto farà un percorso autonomo e distinto, sia dal punto di vista programmatico che dal punto di vista elettorale, rispetto a questa esperienza amministrativa che, mascherandosi dietro un falso civismo, non fa altro che dividere il fronte dell’alternativa alla sinistra, determinandone la possibile vittoria di chi tanti danni e guasti ha procurato alla città ».

Si accende la politica In base a quanto risulta alle parole del 5 gennaio del vicesindaco non sono seguite interlocuzioni con gli esponenti del centrodestra, l’unico confronto ci sarebbe stato tra Sandro Cretoni, segretario comunale della Lega e consiglieri di maggioranza (seppur passato al gruppo Misto). Anche per questo in casa Rinnovamento, ma anche in altri ambienti politici, l’impressione è che il centrodestra abbia trovato nell’intervento di Bececco il pretesto buono per smarcarsi e slanciarsi verso le amministrative. Salvo passi indietro, quindi, Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d’Italia e la lista Due Mondi avranno il proprio programma amministrativo e soprattutto il proprio candidato sindaco, ma chi sarà lo si capirà a ridosso delle Politiche del 4 marzo.

@chilodice

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *