venerdì 9 dicembre - Aggiornato alle 17:37

Spoleto, cinque liste per il centrodestra di De Augustinis. Nella Lega scoppia il caso Bernelli

Ai tre partiti si somma Laboratorio per Spoleto e Rinnovamento senza Panfili ma con l’assessore Loretoni, che in caso di vittoria potrebbe mantenere la delega

Umberto De Augustinis (foto Fabrizi)

di Chiara Fabrizi

Cinque liste. Salvo colpi di scena è tracciato il perimetro della coalizione di centrodestra che sosterrà la candidatura a sindaco del magistrato di Cassazione, Umberto De Augustinis. Le fila saranno tirate nelle prossime ore, nell’ambito di un summit che prevede la verifica incrociata del centinaio scarso di aspiranti consiglieri: da una parte a controllare sarà lo stesso De Augustinis e dall’altra  Sandro Cretoni della Lega, che già aveva ammonito «sull’imbarco» di candidati civici. E proprio nella Lega si consuma il caso Wolfgang Bernelli, che non sarà candidato al consiglio comunale.

Cinque liste per De Augustinis Alla lista del Carroccio, di Forza Italia e di Fratelli d’Italia si somma la formazione civica espressione del candidato sindaco, ribattezzata Laboratorio per Spoleto. Qui confluiranno alcuni esponenti della lista civica Due Mondi, rappresentata in consiglio comunale da Giampaolo Emili, che però non si ricandiderà: nomi per il momento ne filtrano pochi, ma è abbastanza certo che in Laboratorio per Spoleto si accomoderà il dottor Mario Mancini. La quinta lista della squadra è Rinnovamento che, però, non conterà esponenti provenienti dall’amministrazione uscente, ad eccezione dell’assessore Angelo Loretoni, l’unico dotato «dell’immunità» conquistata per essere stato il candidato sindaco del centrodestra nel 2009. In caso di vittoria di De Augustinis è probabile che a Loretoni venga confermata la delega ai lavori pubblici, mentre non sarà nella lista di Rinnovamento il presidente del consiglio comunale Giampiero Panfili, che aveva tentato di spostare la lista civica verso il Pd, salvo poi allinearsi con tutti gli iscritti sul sostegno al magistrato 66enne, votato all’unanimità.

Panfili e Bernelli out Ma i rapporti tra Panfili e il centrodestra sono critici ormai dal 2014, quando lasciò il coordinamento di Forza Italia per sostenere la candidatura di Fabrizio Cardarelli, non appoggiata dal suo partito. Problemi anche nella Lega, dove è esploso il caso Wolfgang Bernelli, l’ex consigliere comunale che era pronto a tornare in pista, tanto da aver fatto scattare le affissioni, le prime comparse in città in vista del voto del 10 giugno 2018. Ma Bernelli non sarà candidato con la Lega, come conferma il segretario Cretoni che si limita a parlare «di scelta legata alla composizione della lista: la Lega ha avuto oltre 40 richieste di candidatura, abbiamo dovuto fare delle scelte considerando quartieri e frazioni di appartenenza dei candidati, tipologia di professione e gli abbinamenti per le quote rosa». Meno diplomatico Bernelli, che lunedì potrebbe convocare una conferenza stampa, ma intanto dice: «E’ un fatto di una gravità unica, perché su di me è stata attivata la macchina del fango, forse a causa della visibilità maturata in 23 anni di politica attiva, la mia figura è talmente temuta da portare alla mia esclusione».

@chilodice

Una replica a “Spoleto, cinque liste per il centrodestra di De Augustinis. Nella Lega scoppia il caso Bernelli”

  1. g. lucidi s.anatolia ha detto:

    elezione equilibrata anche nei minimi dettagli

Rispondi a g. lucidi s.anatolia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.