giovedì 14 novembre - Aggiornato alle 00:14

Salvini: «Se comune in bancarotta non può fare governatore». Pd e M5s attaccano: «E allora Tesei?»

Il leader della Lega stoppa la candidatura di Occhiuto in Calabria ma scatena un polverone sull’Umbria

Salvini e Tesei

«Servono ovunque candidati nuovi, specchiati. Se uno ha il Comune in bancarotta come fa a fare il governatore? E’ come candidare la Raggi a presidente del Consiglio…». Una frase del leader della Lega, Matteo Salvini, a proposito delle elezioni regionali in Calabria, a proposito della possibile corsa di Mario Occhiuto per il centrodestra, scatena una polemica politica in Umbria. Ad attaccare sono sia il Movimento 5 stelle che il Pd.

M5s: «E allora Tesei?» «Secondo Matteo Salvini servono ‘ovunque candidati nuovi, specchiati. Se uno ha il Comune in bancarotta come fa a fare il governatore?’ Ottima domanda: dunque a che titolo la leghista Donatella Tesei si candida a fare la governatrice dell’Umbria dopo aver lasciato un buco di almeno 2 milioni di euro a Montefalco?». Così in una nota i parlamentari umbri del MoVimento 5 Stelle Tiziana Ciprini, Filippo Gallinella, Stefano Lucidi e Emma Pavanelli. «Ha ragione Salvini – proseguono -: il bilancio di due mandati da sindaco è più che sufficiente per ritenere la Tesei del tutto inadatta al ruolo di presidente di Regione. Il paragone con un imprenditore brillante e capace come Vincenzo Bianconi poi è impietoso per lei. Gli elettori umbri hanno sotto gli occhi la differenza di capacità tra i due».

Verini: «Ecco perché la nasconde» E anche il commissario Pd, Walter Verini, va giù duro. «Come si fa a candidare a presidente della Regione uno che ha il comune in bancarotta? Questo è quanto ha detto Salvini a proposito delle prossime elezioni regionali in Calabri. Allora chiediamo noi a Salvini come si fa a candidare a presidente della Regione Umbria un ex sindaca come Donatella Tesei che ha massacrato il bilancio del comune di Montefalco? È questo infatti il motivo per cui l’ha nascosta per tutta la campagna elettorale, usando l’Umbria come una clava per sue ciniche speculazioni propagandistiche».

Agea: «Salvini la boccia» «Matteo Salvini boccia la candidata leghista alla Regione Umbria Donatella Tesei», secondo la sottosegretaria agli Affari Europei Laura Agea, esponente umbra del Movimento 5 Stelle. «Era ora. Secondo il leader della Lega non è possibile candidarsi a fare il presidente di Regione dopo aver lasciato i debiti nel proprio Comune. Una sonora bocciatura per Donatella Tesei che pochi mesi fa ha lasciato il comune di Montefalco con un bel buco di bilancio da 2 milioni di euro. Tanto che la nuova amministrazione di centrodestra ricorre all’auto ostruzionismo per non approvare il bilancio consolidato che certifica il disavanzo. Meglio tardi che mai, la Tesei non è una candidata credibile per rilanciare l’Umbria».

I commenti sono chiusi.