lunedì 20 maggio - Aggiornato alle 22:42

‘Romizi gioca scorretto’, esposto di Giubilei al Corecom: «Non rispetta avversari. Chieda scusa»

Sindaco accusato di «uso elettorale della comunicazione istituzionale, arroganza e abuso di potere»

Andrea Romizi e Giuliano Giubilei (foto U24)

Passa ai fatti e spiega di avere «presentato un esposto al Corecom Umbria per violazione della legge sulla par condicio da parte del Comune di Perugia». E’ quanto scrive in una nota diffusa agli organi di stampa il candidato sindaco del centrosinistra al Comune di Perugia Giuliani Giubliei.  «L’articolo 9 della legge 28/2000 -scrive Giubilei – dispone il ‘divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l’efficace assolvimento delle proprie funzioni’.

La denuncia L’accusa è quella di utilizzare la comunicazione istituzionale del Comune per scopi elettorali, e infatti spiega: «Come si può facilmente evincere dalla lettura delle principali testate giornalistiche, nonché consultando il profilo Facebook del Comune di Perugia, è stata fatta una attività di comunicazione da parte dell’amministrazione comunale, relativa all’attivazione del sistema informativo turistico. La comunicazione non è impersonale, infatti compaiono, addirittura in un video, il Sindaco Romizi e l’Assessore Fioroni, e tantomeno indispensabile per l’assolvimento di funzioni proprie del Comune». Quanto al giudizio: «Si tratta di una gravissima violazione della legge – ancora la nota -, di un uso privatistico ed elettorale della comunicazione istituzionale che denota la vera cultura politica del Sindaco: dispregio delle norme, mancanza di rispetto degli avversari, arroganza e abuso delle posizioni di potere. Chiedo al Sindaco di scusarsi con i cittadini e con gli altri candidati sindaco e di impegnarsi a non ripetere più tali gravi violazioni delle norme che regolano la campagna elettorale».

I commenti sono chiusi.