martedì 17 settembre - Aggiornato alle 19:09

Regionali, aperitivo dei candidati con Berlusconi. A Gasparri i nodi Toti e ‘ticket’

I candidati di Forza Italia umbri a Palazzo Grazioni con Berlusconi

di Iv. Por.

Tre ore a casa di Silvio per un ricco aperitivo e per fargli conoscere tutti i potenziali candidati alle elezioni regionali in Umbria. Forza Italia si è presentata in massa a Palazzo Grazioli, capeggiata da Catia Polidori (che aveva visto il grande capo già lunedì esponendogli tutte le questioni), martedì pomeriggio alle 18. Un incontro alla presenza dei parlamentari Fiammetta Modena (costretta a perdersi il voto di fiducia contro il governo in Senato) e Raffaele Nevi, mentre dall’altra parte, oltre a Berlusconi c’era Maurizio Gasparri, designato come responsabile della campagna elettorale per le elezioni regionali.

Lista di Forza Italia La delegazione umbra era, in sostanza, quella di chi ha dato la propria adesione ad entrare in lista per un seggio a Palazzo Cesaroni. La punta di diamante sarà Roberto Morroni, già indicato come possibile vicepresidente in caso di vittoria. E poi: Stefano Fatale, Laura Buco, Sergio Bruschini, Annalisa Mierla, Arianna Verucci, Francesco Diotallevi, Stanislao Fella, Filiberto Franchi, Lamberto Marcantonini, Riccardo Meloni, Andrea Pilati e Filippo Ugolini. Assente per impegni il sindaco di Norcia Nicola Alemanno.

Gasparri per i nodi Nel corso dell’incontro si è parlato della composizione della lista, ma anche dei nodi principali ancora sul tavolo della coalizione di centrodestra. In primis il ticket, cioè il nome del vicepresidente da affiancare alla leghista Donatella Tesei. Come noto Fratelli d’Italia ha indicato Marco Squarta, mentre Forza Italia ha risposto con Morroni. Un derby che FdI vuole risolvere prima del voto. L’altro problema è la presenza o meno della lista ‘Cambiamo!’ di Giovanni Toti, in Umbria affidata a Pietro Laffranco. Resta il veto di Forza Italia, ma i totiani si fanno forti del feeling con Salvini, rafforzato dalla presenza alla manifestazione di lunedì a Montecitorio contro il governo. Entrambe le questioni – è stato preso atto – dovranno essere risolte a livello nazionale e se ne occuperà Gasparri, insieme a Berlusconi. Il tanto agognato vertice ai massimi livelli sulle regionali dovrebbe tenersi entro la settimana, Salvini e i suoi tour elettorali permettendo.

I commenti sono chiusi.