venerdì 6 dicembre - Aggiornato alle 20:14

Perugia, sabato l’esordio in piazza delle Sardine. Il Pd attacca Tesei: «Sulla giunta liti e faide»

Manifestazione confermata: appuntamento alle 17.30 in piazza della Repubblica, Salvini sarà alla Città della domenica

Uno dei simboli della manifestazione

L’esordio delle Sardine umbre sarà sabato alle 17.30 a Perugia, in piazza della Repubblica e non in piazza Italia (dove è in programma il mercato dell’antiquariato), come annunciato in precedenza. Nelle ultime ore gli organizzatori della manifestazione, nata su Facebook dopo il successo di quelle di Bologna e Modena, hanno messo a punto gli ultimi dettagli: «Portate ognuno le vostre sardine – spiegano – e lo spirito che ci ha animati dal primo giorno». Quello che non chiedono di portare invece sono i simboli di partito così da «essere un banco unito di sardine». L’appuntamento, che sarà aperto da un intervento introduttivo, è stato convocato nel giorno in cui il leader della Lega Matteo Salvini sarà in Umbria per festeggiare, alla Città della domenica di Perugia, la vittoria elettorale. L’attenzione mediatica dunque si dividerà tra il centro del capoluogo e la Città della domenica, dove con Salvini ci saranno la neo presidente Donatella Tesei, i parlamentari e i consiglieri regionali della Lega. Una festa alla quale, con tutta probabilità, sarà anche presentata la nuova giunta che nascerà nelle prossime ore.

Pd attacca E proprio in attesa della fumata bianca il neo capogruppo dem Tommaso Bori attacca: «Da settimane – dice – assistiamo esterrefatti a liti, faide, veti incrociati e lottizzazioni interne tra la presidente e gli esponenti locali e nazionali dei partiti di centro destra sulla futura giunta. Il primo impegno preso dalla presidente Tesei ha coinciso – ha aggiunto – con la prima promessa tradita: ‘entro sabato insedierò la nuova giunta’ e ‘l’Umbria non può aspettare’ sono state le sue dichiarazione pubbliche nel giorno dell’insediamento, da allora è tutto bloccato in un impasse che ricorda la vecchia politica». Bori critica anche la partecipazione di Tesei alla manifestazione di Bologna pro Borgonzoni e promette che l’opposizione sarà ispirata «dai principi e dai valori che costituiscono le colonne portanti della proposta politica di centrosinistra: lavoro, giustizia sociale, sostenibilità, innovazione e modello pubblico dei servizi, a partire da sanità, politiche sociali, scuole e università».

I commenti sono chiusi.