venerdì 23 agosto - Aggiornato alle 11:00

Perugia, il Movimento 5 stelle candida Francesca Tizi. Rosetti: «Io troppo grillina?»

Annuncio a sorpresa della ricercatrice 45enne: «Grazie a Di Maio». La capogruppo mastica amaro: «Nel 2014 appoggiava Romizi»

Francesca Tizi

Un fulmine a ciel sereno. Senza nessun voto online o condivisione con la comunità locale, è la stessa candidata Francesca Tizi a diramare una nota (nemmeno a tutti gli organi di informazione) con la quale «con profondo spirito di servizio» comunica «l’ufficialità della mia candidatura» a sindaco di Perugia per il Movimento 5 stelle. E dire che sembrava certa una seconda chance per la capogruppo in consiglio comunale, Cristina Rosetti, che invece nemmeno sapeva che la 45enne ricercatrice universitaria aveva inoltrato come lei la candidatura corredata da una lista di nomi alla piattaforma Rousseau.

La scelta di Di Maio E da Roma (o da Milano, sede ella Casaleggio associati) è arrivato l’imprimatur. «In continuità con il mio precedente impegno politico alle elezioni del 4 marzo per il Senato della Repubblica – spiega Tizi nella nota -, il Movimento 5 stelle e Luigi Di Maio, che sentitamente ringrazio, hanno rinnovato la loro fiducia nei miei confronti». Al Corriere dell’Umbria aggiunge che promuoverà presto «incontri aperti con la città» e le sue priorità sono «lavoro, mobilità, cultura, ambiente». «Gli altri candidati non mi spaventano – dice -, spero in un confronto leale».

Rosetti: «Strada spianata a Romizi» La scelta calata dall’alto, però, non è andata giù alla Rosetti, che al Messaggero dice che non sapeva della candidatura della Tizi. «Nessuno mi ha ancora avvertito di niente – spiega -. Fatto sta che la scelta è caduta su chi nel 2014 sosteneva apertamente il candidato sindaco di centrodestra, questo è uno scivolo a Romizi e magari Perugia è il primo caso di intesa non tanto palese tra M5s e centrodestra. Forse io sono troppo grillina per questo Movimento 5 stelle».

I commenti sono chiusi.