Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 30 giugno - Aggiornato alle 18:38

Perugia, iscrizioni all’Albo d’oro: nomi superano il test del voto segreto. Un solo franco tiratore

Lunedì riceveranno la massima onorificenza cittadina il Don Bosco, il professor Alberto Grohmann, l’attore e regista Giampiero Frondini e monsignor Carlo Rocchetta

Il professor Alberto Grohmann

di Daniele Bovi

Tutto come da programma o quasi. Venerdì mattina il consiglio comunale di Perugia ha approvato l’elenco di nomi di personalità e associazioni che lunedì, giorno in cui la città ricorda le stragi del 20 giugno 1859, saranno iscritte all’Albo d’oro. Rispetto a quanto emerso giorni fa nel corso della seduta della commissione bipartisan, non ci sono novità: a ricevere quella che è la massima onorificenza cittadina saranno il professor Alberto Grohmann, l’istituto Don Bosco che proprio nel 2022 festeggia i primi cento anni di attività nel capoluogo, l’attore e regista Giampiero Frondini e monsignor Carlo Rocchetta, docente di sacramentaria alla Pontificia università gregoriana di Roma e alla facoltà teologica di Firenze, nonché assistente spirituale al centro familiare «Casa della tenerezza” di Perugia».

XX GIUGNO, TUTTO IL PROGRAMMA DELLA «FESTA GRANDE»

Voto e regolamento La votazione, come da regolamento che prevede anche la necessaria maggioranza dei due terzi, è avvenuta a scrutinio segreto; per evitare brutte figure come quella del 2017, quando Grohmann e pure l’Avis furono bocciati per colpa dei franchi tiratori, si vota l’intero pacchetto di nomi, senza procedere con scrutini singoli. In una scheda è stato però scritto solo il nome di monsignor Rocchetta: un evidente segnale lanciato da chi non ha gradito le candidature. Sempre venerdì è stata approvata la modifica al regolamento «per la concessione di pubbliche benemerenze». In particolare si parla dell’articolo 6, quello con cui si stabilisce che «non potranno essere effettuate ogni anno più di tre iscrizioni nell’Albo, oltre a una ulteriore iscrizione riservata a giovani cittadini perugini». Un quadro giudicato limitante dato che si parla di sole persone fisiche; d’ora in avanti accanto ai giovani cittadini perugini, potranno ricevere quella che è la più importante onorificenza cittadina anche «associazioni o enti giovanili o che si occupano del mondo giovanile». Una modifica che consente quindi di iscrivere all’Albo il Don Bosco.

Bori e il programma Commentando l’esito del voto il segretario pd Tommaso Bori esprime «soddisfazione» e parla di «personalità d’indubbio prestigio». «In particolare – ricorda – l’iscrizione del professor Grohmann va a ricucire uno strappo. Anche se a distanza di anni prima con l’iscrizione dell’Avis di Perugia, e oggi con quella del professor Grohmann, si rende finalmente il giusto merito a quanti, già allora, meritavano questo prestigioso riconoscimento». Sempre lunedì, alle 16, nell’ambito delle celebrazioni verrà inaugurata l’opera di restauro dell’epigrafe intitolata a Francesco Guardabassi, apposta in corrispondenza del civico 12 dell’omonima via. Di seguito pubblichiamo il programma di eventi relativo alle giornate di sabato, domenica e lunedì, ai quali si aggiungono quelli messi in cantiere fino al 25 giugno da una decina di associazioni del capoluogo.

sabato 18 giugno
-alle 10 a Sant’Arcangelo omaggio a don Ottavio Posta giusto tra le nazioni alla presenza dell’assessore Gabriele Giottoli;

-alle 11.30 a San Feliciano omaggio all’epigrafe del patriota Filippo Gasperi con la deposizione di una corona di fiori, alla presenza dell’assessore Gabriele Giottoli.

domenica 19 giugno
-alle 18 in sala dei Notari omaggio a Claudio Spinelli. Presentazione del volume di Sandro Allegrini “Spinelli lirico. Percorso poetico perugino in 100 passi”. Ne parla con l’autore l’assessore Leonardo Varasano. Letture di Gian Franco Zappetti e Leandro Corbucci.;

-alle 21 presso il chiostro della Cattedrale concerto-spettacolo di Umbria Ensemble: “Cent’anni di baci. 500 di cioccolato. Viaggio in musica nella storia del cioccolato in Europa”.

-alle 23 cerimonia al monumento ai caduti del XX giugno alla presenza dell’assessore Giottoli.

lunedì 20 giugno
-alle 10 in borgo XX giugno deposizione delle corone di alloro al monumento ai caduti del XX giugno 1859, alla lapide che ricorda l’ingresso delle truppe alleate a Perugia nel 1944 presso la fondazione agraria ed alla lapide che ricorda i patrioti fucilati dai nazi-fascisti presso il poligono di tiro;

-alle 10,45 presso il Civico cimitero deposizione di una corona di alloro al monumento ai caduti;

-alle 11,30 in piazza Ruggero Puletti (di fronte alla sede dell’Università per Stranieri) deposizione di una corona di alloro alla lapide in memoria delle vittime di tutti i genocidi;

-alle 12 in Sala dei Notari a Palazzo dei Priori cerimonia per le iscrizioni all’Albo d’oro per l’anno 2022.

I commenti sono chiusi.