Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 12 agosto - Aggiornato alle 16:11

Pd, 14 segretari comunali scrivono a Laureti: «Nominare reggenza fino a fine settembre»

Da Castello a Gubbio fino a Todi e al Trasimeno: «Un cambio in corsa può compromettere pluralismo e rappresentanza territoriale»

Camilla Laureti

«Un percorso condiviso con la segreteria provinciale del Pd per arrivare a nominare una reggenza fino alla fine di settembre per poi avviare un iter congressuale». Lo chiedono 14 segretari comunali del Pd, compreso Marco Conti di Città di Castello, Massimiliano Grilli di Gubbio e Umberto Magni di Todi, all’europarlamentare Camilla Laureti che nei giorni scorsi ha formalizzato le dimissioni dalla segreteria provinciale del Pd, incarico per il quale lo statuto del Pd dispone l’incompatibilità con il seggio a Strasburgo, oltreché dal consiglio comunale di Spoleto.

«Pd provinciale, nominare reggenza» La proposta formulata dal gruppo di segretari comunali, molti dei dei quali della zona del Trasimeno, deriva dalla convenzione che sia «fondamentale la piena operatività del livello provinciale del partito», ma anche dai timori che «un cambio in corsa, deciso in pochi giorni e realizzato attraverso un semplice voto dell’assemblea, possa compromettere seriamente il pluralismo e la rappresentanza territoriale». Nel documento, dunque, viene chiesto a Laureti di dare sponda a soluzioni in grado di garantire «piena legittimità e operatività agli organismi dirigenti, a partire da questa campagna elettorale, perché – dicono – proprio in questo tempo riteniamo non ci sia bisogno di strappi e fughe in avanti ma di unità, impegno, responsabilità e condivisione».

I commenti sono chiusi.