Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 26 settembre - Aggiornato alle 08:44

Mozione bipartisan sul Trasimeno: «Regione trovi soldi per risanamento e valorizzazione»

Maggioranza e opposizione unite per il lago, Squarta: «Tutelare fattore di sviluppo per economia e occupazione regionale»

© Giorgio Brusconi

«Adozione urgente delle misure indispensabili per risanare e valorizzare il lago Trasimeno» è la mozione bipartisan di cui il presidente dell’Assemblea legislativa Marco Squarta (Fd’I) annuncia la presentazione e la firma congiunta con Eugenio Rondini (Lega) e Simona Meloni (Pd), vice presidente della stessa assemblea, che discuterà la questione durante la prossima seduta in programma per il 22 settembre. «In questi primi giorni di settembre – si legge nel testo dell’atto – il livello delle acque del quarto lago d’Italia è sceso a meno 106 centimetri rispetto allo zero idrometrico ed è previsto che scenderà ulteriormente entro la fine del mese a meno 120. Un’ulteriore criticità – conclude Squarta – è l’insabbiamento dei fondali, che necessitano di interventi di dragaggio che devono essere svolti con regolarità».

Mozione bipartisan sul Trasimeno Il documento contiene l’invito alla giunta regionale ad «attivarsi in Parlamento e con il Governo nazionale per sollecitare l’adozione urgente di misure per la manutenzione delle aree spondali demaniali, l’approfondimento dei fondali e la manutenzione delle rotte di navigazione, il recupero del degrado strutturale delle darsene e degli approdi, l’adeguamento dei bassi livelli, la manutenzione e gestione dei corsi d’acqua, delle opere idrauliche di terza categoria e della linea navigabile». Pressing, dunque, sul risanamento del Trasimeno, che per «la prima volta – sottolinea Squarta – unisce maggioranza e opposizione allo scopo risolvere i problemi del lago e tutelarlo dato che, rappresentando una delle principali attrattive turistiche dell’Umbria, costituisce a tutti gli effetti un fattore di sviluppo dell’economia regionale e dell’occupazione».

I commenti sono chiusi.