martedì 20 ottobre - Aggiornato alle 22:01

«Maserati del sindaco nei parcheggi dei mezzi comunali e vigili urbani puniti»

A Otricoli l’opposizione accusa Liberati di cattiva condotta e discriminazioni

«Dipendenti e amministratori utilizzano le auto del Comune di Otricoli per scopi personali e se le portano pure a casa, così davanti alla sede dell’ente trova parcheggio per la sua Maserati il sindaco Antonio Liberati, lo stesso che ha mandato due vigili urbani in Commissione disciplinare perché li ha visti parlare con un cittadino a lui non gradito. Il primo cittadino non è nuovo in certe strategie punitive verso chi ha la sola colpa di non essergli simpatico». Questa la denuncia del gruppo consiliare ‘Insieme è possibile’.

Polizia municipale Secondo la ricostruzione fornita dagli esponenti dell’opposizione, due agenti della polizia municipale di Otricoli sarebbero stati richiamati formalmente dal sindaco, per aver rivolto parola ad un cittadino «evidentemente sgradito allo stesso Antonio Liberati che li avrebbe notati parlare con quest’uomo mentre, a suo dire, c’erano alcune macchine parcheggiate fuori posto lungo la strada. Per questa ragione li ha segnalati al comandante del Corpo».

La Maserati di Liberati «È lecito domandarsi – scrivono da ‘Insieme è possibile’ se il nostro sindaco, particolarmente zelante e fiscale in questo caso, sia ugualmente attento alla correttezza delle condotte di tutti gli altri rappresentanti del Comune di Otricoli. Ci riferiamo sia ai dipendenti che agli stessi amministratori comunali che usano, in modo costante, i mezzi comunali anche per le loro esigenze personali e presso le loro abitazioni; è altresì noto – proseguono – come il sindaco Liberati e la sua maggioranza, provvedano a parcheggiare le loro automobili davanti alla sede del Municipio, nei posti riservati ai mezzi comunali».

‘Insieme è possibile’ «Come gruppo consiliare di opposizione – concludono nella nota – esprimiamo piena solidarietà ai due vigili e a tutto il Corpo di polizia municipale il cui lavoro, già non facile viste le numerose incombenze burocratiche e legislative cui devono far fronte, è reso ancora più pesante da un clima di costanti pressioni e comportamenti che rasentano il mobbing. Ci domandiamo che cosa potrebbe accadere ad un vigile che osasse multare la Maserati del primo cittadino».

Una replica a “«Maserati del sindaco nei parcheggi dei mezzi comunali e vigili urbani puniti»”

  1. ffekto ha detto:

    Brutta cosa l’invidia.
    Quell’auto parcheggiata lì non fa altro che avvalorare la bellezza di un borgo già di per se di grande valore.
    Quell’auto, di un marchio italiano prestigioso in un borgo così, non fa altro che dare decorate e costituire l’emblema delle bellezze italiane.
    Lo dico da turista, che non sapeva di chi fosse l’auto, ma che ha apprezzato questa immagine ogni qual volta è venuto a far visita al centro storico di Otricoli. Chi era con me ha altresì sempre apprezzato trovare un’opera d’arte così all’interno di un borgo italiano.
    Immagine degna di uno spot pubblicitario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.