Quantcast
sabato 2 luglio - Aggiornato alle 20:28

M5s non si candida a Spoleto, Biondi e altri 24: «Mortificati, mancata certificazione ingiustificabile»

Lettera dei candidati in pectore che non partecipano al voto del 10 giugno: «Amaro in bocca per troppe domande senza risposte»

Candidati e attivisti M5s

di Tommaso Biondi e gli altri 24*

Il M5S Spoleto con grande rammarico è costretto ad annunciare il ritiro della candidatura della propria lista dalle elezioni amministrative 2018. Una ingiustificabile nonché inspiegabile mancata consegna della certificazione necessaria per l’uso del simbolo da parte dell’ufficio Staff, nonostante avessimo seguito le regole e le tempistiche previste dal Movimento stesso e nonostante siano stati consegnati 24 certificati penali immacolati, ci costringe a terminare con grande anticipo quella che si presagiva come una impegnativa campagna elettorale.

Abbiamo in ogni modo fatto pressione attraverso i nostri portavoce affinché dopo quasi 2 mesi dall’invio allo staff nazionale di tutta la documentazione richiesta, ci fosse fornita la certificazione per poter raccogliere le firme con il simbolo del Movimento. Eppure nessuna risposta ufficiale. Perché? Nei giornali è stato scritto che il nostro candidato sindaco Tommaso Biondi, è stato dapprima denunciato per diffamazione in seguito ad uno spettacolo teatrale molto noto in città e condannato ad una multa e successivamente indultato. Morale: casellario giudiziale immacolato. Prima di queste amministrative, Tommaso, si era precedentemente candidato per il M5S come consigliere comunale sia nel 2009 che nel 2014 eppure non era mai stato sollevato nessun argomento in merito. Del resto il fatto non è tra quelli previsti come ostativi dal Regolamento Elezioni Amministrative e dal Codice Etico del Movimento 5 stelle.

Alla vigilia di una tornata elettorale che sembrava presagire un risultato storico per un Movimento in continua crescita nello scenario cittadino e, di conseguenza, un cambio netto con la continuità storica che ha amministrato la nostra amata città, ci troviamo costretti a non partecipare e a lasciare orfani migliaia di Spoletini di quel simbolo che negli anni era diventata l’unica, vera, speranza di cambiamento. L’unica  soddisfazione è quella di avercela messa tutta per esserci, rimane l’amaro in bocca per le troppe domande senza risposte che hanno contraddistinto questi ultimi giorni in attesa della certificazione.

Da ultimo, ma non meno importante, vogliamo sottolineare che il gruppo di Spoleto è stato uno dei  fondatori del movimento nazionale ed il primo in Umbria e fra i primissimi in Italia nel 2009  ad eleggere un candidato. Eravamo presenti al momento della “Carta di Firenze” nel 2009  quando ancora il simbolo non esisteva ed oggi siamo impossibilitati per un maledetto simbolo mai arrivato, a proseguire la nostra corsa. Siamo altresì convinti che come nove anni fa siamo stati i primi a raccontare da dentro le dinamiche della vecchia politica, da oggi saremo i primi a spenderci affinché le regole interne al Movimento cambino e non si verifichino più episodi come il nostro.

Siamo immensamente mortificati di privare, nostro malgrado, Spoleto dell’unica forza veramente alternativa. Ci dispiace per tutti i cittadini elettori che il 10 giugno saranno orfani del nostro simbolo. L’ unica soddisfazione è poter dire che ce l’abbiamo messa tutta per esserci, purtroppo non è dipeso dalla nostra volontà.

* La lettera è stata inviata dai candidati in pectore del M5s che senza la certificazione dello staff nazionale non hanno presentato la lista: Tommaso Biondi, Agnese Protasi, Emanuele Baldini, Ylenia Giorgi, Enrico Morganti, Giovanni Maria Angelini Paroli, Luigi Turchi, Roberto Gasparrini, Claudio De Rosa, Gabriele Celesti, Lucia Pascale, Roberto Alcidi, Alessandro Santi, Marinella Marinelli, Ilaria Porziani, Paola Gatti, Francesca Novelli, Laura Salterini, Alessandro Cera, Sonia Comessatti, Carlo De Amicis, Lorenzo De Angelis, Bruno Lupo eMarco Lilli

Una replica a “M5s non si candida a Spoleto, Biondi e altri 24: «Mortificati, mancata certificazione ingiustificabile»”

  1. Giampiero ha detto:

    Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! ….???

    …’sti bimbiminkia avevano già fatto la squadra di governo e invece neanche partecipano alle elezioni!!!!!….ah! Ah! Ah! …???…..Sarebbe molto divertente se non ci fosse di mezzo il futuro di una città, di un paese. ..
    Lasciare l’esecutivo all’incompetenza e al populismo non ci porterà da nessuna parte!!!!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.