Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 26 settembre - Aggiornato alle 07:47

Lega e Italia viva fanno squadra in Senato per difendere la Camera di commercio di Terni

Alessandrini, Lucidi e Grimani si schierano contro l’accorpamento dell’ente con Perugia

L'aula del Senato

«Unire le forze per raggiungere un obiettivo comune a vantaggio del territorio, è quello che faremo come senatori ternani allo scopo di tutelare la Camera di Commercio di Terni».

UNIONCAMERE: «SÌ AD ACCORPAMENTI»

Camera di commercio di Terni Sulla questione intervengono in una nota stampa congiunta i senatori della Lega, Valeria Alessandrini, Stefano Lucidi e il senatore di Italia Viva, Leonardo Grimani. «È fondamentale in questo momento sfruttare il tempo a disposizione e far convergere ogni azione politica affinché la città possa preservare la sede provinciale dell’ente camerale ed evitare l’accorpamento con Perugia o il commissariamento – spiegano Alessandrini, Lucidi e Grimani -. Il tessuto imprenditoriale locale e quello industriale risultano già fortemente provati dalla crisi post covid. In un quadro così complicato riteniamo quanto mai fondamentale per la provincia di Terni mantenere un presidio come la Camera di commercio in grado di svolgere, grazie agli strumenti e alle professionalità a disposizione, un ruolo primario di sostegno e indirizzo per le Pmi e le realtà produttive locali che stanno attraversando questa fase congiunturale. Fin da oggi abbiamo deciso di unire le forze in Senato – concludono i senatori – per arrivare all’elaborazione di un percorso che ci consenta di individuare una strategia e giungere in tempi brevi al risultato sperato».

I commenti sono chiusi.