lunedì 24 luglio - Aggiornato alle 04:32
Catiuscia Marini in Consiglio regionale

La presidente Marini querela il consigliere M5s Liberati: «Suoi scritti gravemente denigratori»

La questione è relativa a una nota del consigliere sui fatti della giunta di Terni

Si passa alle vie legali. L’ha deciso la presidente della Regione dell’Umbria, nei confronti del consigliere regionale in quota M5s, Andrea Liberati. La presidente Marini si sente diffamata da una nota stampa che il consigliere ha diramato attraverso l’agenzia di stampa del Consiglio regionale, relativa ai fatti di Terni che vedono agli arresti domiciliari il sindaco Di Girolamo e il suo assessore.

La nota legale Nella nota il consigliere Liberati descrive l’appuntamento tra i dirigenti del Pd a Terni con queste parole: «In una vicenda drammatica quale quella in corso a Terni, con riflessi politici regionali e nazionali, mancavano solo i reiterati applausi da capo ultrà di Catiuscia Marini». Per questo e per altri passaggi considerati dalla presidente lesivi della sua reputazione e della carica che riveste, il suo legale ha diramato una nota con cui annuncia la querela: «La Presidente Marini in queste ore, con profondo stupore, ha appreso del contenuto di uno scritto diramato ad alcuni media dal Consigliere regionale Andrea Liberati. La predetta nota dal titolo ‘Con gli applausi di ieri l’autolesionismo del Pd non ha confini’ si ritiene gravemente denigratoria della reputazione politica e civile della Presidente Catiuscia Marini nonché della sua immagine di pubblico amministratore, vieppiù in considerazione dell’incarico istituzionale che ella riveste. Infatti, sin da subito, va osservata l’assoluta incongruità delle affermazioni in essa contenute con riferimento alla partecipazione della Presidente Catiuscia Marini all’evento svoltosi a Terni durante la giornata del 5 maggio 2017 a cui hanno, tra l’altro, presenziato la Vice Presidente della Camera dei Deputati, Marina Sereni, il Sottosegretario al Ministero dell’Interno, Gian Piero Bocci, i parlamentari umbri Giampiero Giulietti, Gianluca Rossi e Walter Verini, il Vice Presidente della Regione Umbria, Fabio Paparelli, il Consigliere regionale Eros Brega ed, infine, numerosi Sindaci del territorio nonché tanti esponenti delle Istituzioni locali. Con riferimento alla predetta nota si rappresenta che la presidente Catiuscia Marini mi ha già conferito mandato al fine di tutelare nelle sedi competenti l’immagine e la reputazione anche della Carica Istituzionale che ella riveste».