Quantcast
domenica 22 maggio - Aggiornato alle 19:08

Monti: Ici e tassa patrimoni la dieta per l’Italia. Marini: «Priorità regioni sono sanità e welfare»

Vuole toccare le Pensioni il primo ministro il cui sistema considera ingiusto «tra generazioni, categorie e aree di privilegi». Patrimoniale? «La esamineremo»

Il presidente del Consiglio Mario Monti

di Maurizio Troccoli

Anteprime della dieta Monti, oggi sono state illustrate al Senato, per il primo discorso del nuovo presidente del Consiglio. Il professore Mario Monti ha annunciato la dieta dimagrante per l’Italia finalizzata a ridurre il rapporto tra debito pubblico e Pil così da rimettere il Paese sui binari opportuni.

La dieta in due tempi Una dieta in due tempi quella che Monti ha in tasca e che deve essere approvata dalla politica ma anche «dalle parti sociali» visto che le riforme riguarderanno anche il mondo del lavoro, per le quali ritiene indispensabile l’accordo con i sindacati. Un primo tempo «per affrontare l’emergenza e la sostenibilità finanziaria», ha detto il premier e un secondo tempo «per modernizzare istituzioni e società in un quadro di ritrovata coesione sociale e territoriale».

Colpire ‘la casta’ E se per superare la crisi occorre qualche sacrificio, questi non possono essere chiesti ai cittadini – sembrano le intenzioni di Monti – se prima non intaccano la casta: «Di fronte ai sacrifici chiesti ai cittadini sono ineludibili interventi volti a contenere i costi di funzionamento degli organi elettivi». Insomma nel mirino del nuovo governo i privilegi dei parlamentari e degli altri rappresentanti «degli organi elettivi», penserà anche ai consiglieri regionali?.

Pagamenti in momenta elettronica C’è molta Europa nella ricetta Monti che guarderebbe alla riduzione dell’evasione fiscale passando anche dalla riduzione dei pagamenti per contanti privilegiando la moneta elettronica, così da creare i presupposti, determinati da un auspicabile aumento delle entrate, utilizzabili per «l’abbattimento delle aliquote».

Meno tasse a imprese e lavoratori E sempre sulle tasse il prefessore aggiunge: «Una riduzione del peso delle imposte e dei contributi che gravano sul lavoro e sull’attività produttiva, finanziata da un aumento del prelievo sui consumi e sulla proprietà, sosterrebbe la crescita senza incidere sul bilancio pubblico».

Toccare le pensioni C’è anche la voce pensioni nel ragionamento di Monti che parla di un sistema pensionistico «sostenibile» dall’Italia, ma ingiusto «tra generazioni, categorie e aree di privilegi». In molti si aspettavano dal discorsi del neo presidente del consiglio un affondo sulla Patrimoniale che ha fatto tuonare ancora una volta Berlusconi e sulla quale Monti è andato soltanto di striscio sostenendo che «la esamineremo».

Ici sulla prima casa:«Esenzione anomalia italiana». Mentre l’ipotesi della reintroduzione dell’Ici (guarda la simulazione su quanto si pagherà città per città) sulla prima casa sembra farsi più concreta:«L’esenzione è un’anomalia italiana. E’ necessario riesaminare in generale il prelievo sulla ricchezza immobiliare».

Riformare il lavoro con accordi parti sociali Infine Monti annuncia le riforme sul lavoro che dovranno passare attraverso il «consenso delle parti sociali». E’ chiaro negli intenti quando parla di «mercato duale in cui alcuni sono fin troppo tutelati e altri totalmente privi di tutele in caso di disoccupazione», e dichiara la volontà di realizzare un «ordinamento con disciplina universale» che riguarderà soltanto i nuovi occupati «senza modificare i rapporti stabili e regolari» che esistono già.

Marini: «Sanità e welfare le priorità» Dopo il discorso di Monti, arriva la reazione della presidente dell’Umbria, Catiuscia Marini. «Al primo posto dell’agenda che presenteremo nell’incontro con il nuovo presidente del Consiglio dei ministri Mario Monti ci sarà la grande questione della sanità e del welfare. Siamo convinti che, pur in una situazione complessa dell’economia e della finanza pubblica, non vada smantellata la rete dei servizi alla persona, né che si possa considerare la spesa pubblica in questo settore una spesa improduttiva». Lo ha detto la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, riferendosi al prossimo incontro che il presidente Monti avrà con tutte le Regioni italiane.

Leale collaborazione «Con questo Governo, come con tutti i Governi, ci sarà da parte nostra leale collaborazione istituzionale – ha sottolineato – perché, come abbiamo sempre detto, le Regioni sono una parte del governo del Paese e non una controparte. Ho apprezzato moltissimo – ha aggiunto – le parole del presidente Monti nel suo richiamo alla cooperazione tra Governo e Regioni nell’interesse generale del Paese, così come è particolarmente importante e apprezzabile la decisione di assumere al momento anche le deleghe relative agli affari regionali».

Una replica a “Monti: Ici e tassa patrimoni la dieta per l’Italia. Marini: «Priorità regioni sono sanità e welfare»”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.