mercoledì 19 giugno - Aggiornato alle 22:19

Foligno, Zuccarini alle consultazioni per la giunta: «Ci saranno Cesaro e Meloni». Rebus quote rosa

Primo giorno in Comune per il sindaco: «Priorità manutenzioni». Nessun incontro con Mismetti, ma incrocia Pizzoni

Zuccarini in Comune

di Chiara Fabrizi

«Il nostro sarà un governo politico, dove tutte le forze di maggioranza saranno degnamente rappresentate, ferma restando la competenza. No, non escludiamo la nomina di assessori esterni, mentre sull’ingresso di eventuali tecnici ci riserviamo delle valutazioni». Così Stefano Zuccarini al termine della prima giornata in municipio e a un paio di ore dall’incontro in programma in serata con lo stato maggiore della coalizione a quattro forze (Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e lista civica) per comporre l’esecutivo.

Cesaro e Meloni, rebus quote rosa Le consultazioni per arrivare alla formazione del primo esecutivo di centrodestra della città, probabilmente a sette componenti, sono alle battute iniziali, ma come già emerso lunedì ci sono dei punti fermi. Il sindaco Zuccarini, infatti, a Umbria24 conferma che in giunta «ci saranno sicuramente, possiamo dirlo, Marco Cesaro (Fd’I) e Riccardo Meloni (Forza Italia)», ossia i due che nell’ultimo scorcio dell’inverno scorso avevano avanzato la disponibilità alla candidatura a sindaco e poi hanno fatto un passo indietro. Entrambi sono stati eletti in consiglio comunale, dove a seguito del loro ingresso in giunta si accomoderebbero Tiziana Filena e Daniela Flagiello. Risulta apertissima e rischia di essere il vero rebus la partita per le tre donne che saranno nell’esecutivo al fianco di Zuccarini. In attesa della squadra il sindaco, che è stato ufficialmente proclamato lunedì sera, ha trascorso la sua prima giornata nell’ufficio che per gli ultimi dieci anni è stato di Nando Mismetti.

Priorità manutenzioni Il passaggio di consegne non è avvenuto formalmente, con Zuccarini che dice «non ci siamo visti, ho trovato l’ufficio spogliato delle sue cose» e si è accomodato. I dipendenti dell’ente ancora non li ha incontrati, a differenza dei collaboratori più stretti della segreteria e ad alcune maestre che erano in municipio per incontrare la dirigente». Di atti ancora Zuccarini non ne ha firmati, ma in cima alla lista «mette la riorganizzazione del servizio manutenzioni per la città, dobbiamo valutare la possibilità di creare una struttura capace di fare ordinari, considerando che la Fils è stata messa in liquidazione». Uscendo dal municipio, martedì sera, il sindaco ha incontrato Luciano Pizzoni in piazza della Repubblica, il candidato sindaco del centrosinistra che siederà ai banchi dell’opposizione: «Che ci siamo detti? Siamo in ottimi rapporti personali, l’ho sempre considerato una brava persona, si è messo a disposizione della città e valuteremo la sua disponibilità».

@chilodice

I commenti sono chiusi.