martedì 23 luglio - Aggiornato alle 20:05

Europee, dall’«intellettuale eclettico» al manager: ecco chi sono gli aspiranti candidati umbri del M5s

Pubblicata su Rousseau una lista con 26 nomi, nei prossimi giorni la votazione ma non tutti potranno arrivare a questa fase

Grillo a Perugia per la marcia sul reddito di cittadinanza (foto F.Troccoli)

di Daniele Bovi

Dall’eurodeputata uscente Laura Agea all’architetto, dal consulente aziendale «all’intellettuale eclettico e creativo», dal dirigente d’azienda all’ingegnere elettronico fino alla studentessa e non solo. Sono in tutto 26 le persone che dall’Umbria, in vista delle europee di fine maggio, ambiscono a conquistare un posto nella lista del Movimento 5 stelle e in particolare nella circoscrizione Centro, che unisce Umbria, Toscana, Marche e Lazio. I nomi, con i relativi curriculum, sono stati pubblicati mercoledì dal Movimento sulla piattaforma Rousseau, attraverso la quale si voterà nei prossimi giorni.

Segnalazioni Non tutti però si potranno sottoporre al voto degli iscritti. In un post apparso mercoledì sul Blog delle stelle infatti si spiega che «con la pubblicazione delle liste, ogni iscritto avrà così il tempo necessario per visionare con attenzione i profili di tutti i candidati. È un modo per conoscerli meglio e per esprimere la preferenza con maggiore consapevolezza. Allo stesso tempo, questa fase sarà utile anche per effettuare controlli più capillari. Gli iscritti, infatti, potranno inviare eventuali segnalazioni nell’apposito form». In caso di referenze e riscontri negativi insomma, ci potrebbero essere esclusioni.

CHAT ABBANDONATE E ACCUSE: IL CAOS M5S A PERUGIA

Quasi tremila Complessivamente sono arrivate da tutta Italia 2.600 candidature e il Blog assicura che «Grazie al nuovo “sistema dei meriti” gli iscritti potranno filtrare i candidati sulla base di ben nove elementi: dalla formazione alla partecipazione, dal curriculum alle eventuali eccellenze. Un metodo che permetterà di avere un quadro chiaro sui vari candidati in lista e di poterne approfondire la conoscenza sulla base di specifici criteri scelti». Nel post si sottolinea che tra i 2.600 ci sono «tantissimi profili d’eccellenza», e che oltre il 70% possiede una laurea. Nel 2014 l’unica umbra a entrare in lista fu proprio Agea (nelle ultime ore finita nel mirino dopo quanto successo a Perugia), che ottenne 132 voti dei militanti pentastellati, e ora sono in molti a voler seguire le sue orme.

Chi sono Tra i 26 nomi c’è quello della 51enne perugina Sabrina Liberatoscioli, avvocato che nel presentarsi ricorda le sue esperienze in Europa. Dopo di lei ci sono Shahab Shir Akbari, 58enne iraniano residente a Terni, laureato in architettura e «da un anno impegnato a scrivere il mio libro “L’immigrazione di massa cambierà Europa?”»; Alessandro Fama, 28 anni, nato a Roma e residente a Terni, consulente aziendale specializzato in finanziamenti alle piccole imprese e professionisti; Piergiacinto Galli, 75 anni, «intellettuale eclettico e creativo»; Romano Racanella, 64 anni, nato a Perugia e residente a Strasburgo, iscritto al M5s fin dall’inizio, «giovane e dinamico pensionato» appassionato di Europa; Fedora Quattrocchi, 53 anni, nata a Roma e residente a Assisi; Goffredo Bonelli, 64 anni, nato e residente a Terni, ingegnere elettronico «da sempre appassionato di scienza».

I nomi Oltre a loro ci sono Andrea Maria Zaccardi, 30 anni, nato a Townsville e residente a Parigi, un «cosmopolita con educazione in gestione aziendale»; Michelangelo Gubbiotti, 35 anni, nato in Svizzera (a Losanna) e residente ad Assisi, amministratore di una piccola società che si occupa di progettazione e produzione di macchine utensili; Marco Carcea, 37 anni, nato a Crotone, residente in Australia, a Hawthorn, dopo aver studiato alla Stranieri di Perugia, un dottorato di ricerca «che ha come oggetto di studio l’applicabilità della teoria della decrescita economica in città di transizione»; Emanuela De Nigris, 28 anni, studentessa nata a Roma e residente ad Assisi che vuole dare il suo «contributo sul tema della salvaguardia e valorizzazione del territorio in chiave ambientale, culturale e turistica»; Rosario Mastrolia, 50 anni, nato a Salerno e residente a Perugia che si presenta come «dirigente di una multinazionale indo-olandese che produce pneumatici» e conoscitore della realtà politico-economica europea.

Funzionari e manager Dopo di loro ci sono Fabrizio Zaccari, 51 anni, nato a Roma e residente in Belgio, a Etterbeek, professore di educazione fisica, poliziotto dal 1998 al 2007 e ora funzionario UE; Daniele Venturi, 44 anni, nato a Terni e residente a San Gemini, il quale sostiene che «bisogna essere sempre dieci passi avanti, tanto nel presente, quanto nel futuro: questa è la mia forza»; Raffaella Brunozzi, 47 anni, nata a Foligno e residente a Perugia, consulente di piccole e medie imprese; Patrizio Calzolai, 41 anni, nato e residente a Terni, una laurea in Economia e interessi «in temi come riforma fiscale e reddito di cittadinanza»; Gianluca Spaccini, 54 anni, nato a Torgiano e residente a Marsciano, manager commerciale; Stefano Salustri, 47 anni, nato a Foligno e residente a Massa Martana, «simpatizzante M5s» per il quale «partecipare a questa selezione è un importante riconoscimento. Non mi interessa di essere scelto ma di poter essere uno dei 5 stelle»; Aslan Palombo, 69 anni, nato al Cairo e residente ad Assisi, che guida la onlus «Discovery Station Assisi, conosciuta più all’estero che in Italia»,.

La lista Gli ultimi della lista sono Dario Toffano, 60 anni, nato a Angera e residente a Gualdo Tadino, presidente del comitato per la difesa del rio Fergia (battaglia che il Movimento in zona sta conducendo da anni); Luciano Losardo, 58 anni, calabrese residente a Magione, per 21 anni insegnante di religione e ora «assistente amministrativo nelle scuole statali»; John Henry Thomas Lolli, 54 anni, nato a Baden (Svizzera) e residente a Terni, che vuole dare il suo contributo in particolare sul «pendolarismo lavorativo, ambiente, moderne forme lavorative (smartworking) e per un’Europa unita e diversa»; Paolo Torresi, 53 anni, nato a Bevagna e residente a Perugia, impiegato di una Pmi; Roberto Tiberi 56 anni, nato a Roma e residente a Fabro, che vuole «portare dei cambiamenti radicali» all’interno dell’UE; l’ultimo si chiama Fabio Leoni, 43 anni, nato e residente a Spoleto, «appassionato di politica sin da ragazzo» e poi folgorato da Beppe Grillo (dal 2005 spiega di non aver perso un post del Blog) che ora si candida per essere «in prima persona il portavoce di tanti cittadini, che onestamente mandano avanti giorno dopo giorno il nostro paese».

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.