Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 2 luglio - Aggiornato alle 20:18

Dopo le dimissioni di Reboani in Regione parte la caccia al nuovo ‘super direttore’

A breve la pubblicazione dell’avviso anche per la Direzione Salute, per la quale in pole c’è D’Angelo. Maria Balsamo in pensione

Gli uffici della Regione al Broletto (foto ©Fabrizio Troccoli)

di Daniele Bovi

Dopo le dimissioni arrivate all’inizio di aprile, in Regione parte la caccia per trovare il sostituto di Paolo Reboani e sistemare, così, una delle figure chiave per quanto riguarda i vertici della dirigenza. Per poco più di quattro mesi infatti Reboani è stato uno dei cinque ‘super direttori’, con la responsabilità di guidare la Direzione Risorse, programmazione, cultura e turismo. Una struttura importante (oggi diretta ad interim da Luigi Rossetti) che si dovrà occupare anche della fondamentale partita relativa ai Fondi UE.

LE DIMISSIONI DI REBOANI

La procedura Nella seduta di mercoledì la giunta ha dato il via alla procedura per l’individuazione del sostituto. Per chi vorrà presentare il proprio curriculum ci saranno dieci giorni di tempo a partire dalla pubblicazione dell’avviso, e gli stessi tempi varranno anche per il nuovo vertice della Direzione Salute, fino a pochi giorni fa guidata da Massimo Braganti, ora al comando della Usl Umbria 1. Come avviene per questo tipo di nomine, essenzialmente di natura fiduciaria, la presentazione dei curriculum non comporterà valutazioni comparative o graduatorie: la scelta spetterà alla presidente della giunta che conferirà l’incarico con un decreto.

Sanità Se per il post Reboani si stanno valutando diverse soluzioni, meno suspence dovrebbe esserci per la Direzione Salute, per la quale in pole sembra esserci Massimo D’Angelo, attualmente commissario per l’emergenza Covid. Al successore di Braganti spetteranno 140.212 euro lordi all’anno più una quota variabile fino al 20 per cento, mentre per la Direzione Risorse si parla di 130 mila euro più la quota variabile. Nel frattempo, dal primo giugno e fino alla nomina del nuovo ‘super direttore’ Stefano Nodessi Proietti si occuperà anche di sanità.

Le altre pedine Sempre dal primo giugno dirà addio alla Regione, causa pensionamento, uno dei pezzi più importanti di Palazzo Donini: Maria Balsamo non si occuperà più del Servizio che cura la segreteria di giunta, l’attività legislativa, il Bur (il Bollettino ufficiale) e il Provveditorato gare e contratti. Al suo posto, ad interim, ci sarà Laura Filonzi in attesa della procedura di mobilità volontaria tramite la quale sarà trovato un sostituto. In particolare, Filonzi si occuperà della segreteria di giunta, Bur e attività legislativa, mentre con un altro interim Stefano Strona di gare e contratti.

I commenti sono chiusi.