martedì 22 gennaio - Aggiornato alle 01:06

Dall’ingegnere al segretario cittadino del Pd: spuntano anche in Umbria i primi comitati civici di Renzi

Per il momento sono sei tra Perugia, Terni, Marsciano e Nocera Umbra: ecco chi c’è alla guida

Renzi nel febbraio scorso a Perugia (foto ©Fabrizio Troccoli)

di Daniele Bovi

Matteo Renzi giura che non si tratta di uno ‘spin-off’ del Pd e che un nuovo partito, il suo, non è nei programmi. Fatto sta che i comitati civici del progetto «Ritorno al futuro», lanciato nel corso dell’ultima Leopolda, sono ormai quasi tremila in tutta Italia e stanno mettendo le radici anche in Umbria. I comitati sono coordinati a livello nazionale da Ivan Scalfarotto, gran sacerdote della chiesa dell’ex premier, e anche nel Cuore verde non mancano i turborenziani tra i coordinatori. Al momento risultano sei comitati, due attivi e quattro in formazione. Tra i primi ci sono quelli di Marsciano e Terni: al vertice del primo, che comprende oltre a Marsciano anche Todi, Fratta Todina e San Venanzo c’è Gabriella Neri, dipendente del Servizio sviluppo rurale e agricoltura sostenibile della Regione. Il tema scelto da queste parti come primo ambito di attività è l’Europa.

SI INSEDIA ASSEMBLEA REGIONALE: TANTI OSPITI

Marsciano e Terni «Il comitato – scrivono – è uno spazio aperto nel quale ci si confronta e si promuovono azioni per costruire un’idea di società riformista, europeista e attenta alle esigenze dei più deboli. Ci siamo già incontrati diverse volte e naturalmente abbiamo già il nostro gruppo WhatsApp, attraverso il quale ci coordiniamo giornalmente. L’argomento che abbiamo scelto come primo ambito di attività è l’Europa e stiamo organizzando un evento, che dovrebbe realizzarsi a gennaio, durante il quale cercheremo di analizzare il rapporto che ciascuno di noi ha appunto con l’Europa nella vita di tutti i giorni e perché è importante far parte di questa comunità». A guidare il comitato «Europa Terni» invece c’è l’ingegnere elettronico Annamaria Corvi.

Gli altri Quelli in formazione in tutto sono quattro. A Perugia il coordinatore è il renzianissimo della prima ora Nicola Preiti, medico ed ex sindacalista Cgil che al congresso regionale ha sostenuto la corsa di Gianpiero Bocci; in questo caso il nome del comitato è «Sapere Perugia». «Società aperta Terni» è invece un altro di quelli fondati nella città dell’acciaio e guidato da Emanuela Guanciale, giovane professionista che negli anni scorsi è stata anche membro della segreteria regionale del partito, quando al vertice c’era Giacomo Leonelli. A Nocera Umbra, dove il tema scelto è quello dell’Europa, c’è l’attuale segretario cittadino del Pd Vincenzo Laloni, la cui figlia Gessica ha fatto parte del gruppo dei millenials scelti da Renzi per entrare nella Direzione Pd. Ultimo comitato quello di Montefalco, guidato da Marco Buccioli che è una figura ben conosciuta nel territorio: assessore comunale ai tempi del Pci, ex segretario dei Ds poi renziano della prima ora.

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.