Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 30 novembre - Aggiornato alle 20:22

Covid-19, bufera sul vicesindaco che consiglia tamponi in un laboratorio privato: «Una leggerezza»

Andrea Pilati, 37 anni, amministratore a Marsciano: «Nessun interesse personale, posso aver sottovalutato, ma elevato grado di strumentalità»

Andrea Pilati, vicesindaco di Marsciano

di C.F.

Il vicesindaco di Marsciano, Andrea Pilati (Forza Italia), ha consigliato a «chi può» di effettuare tamponi per il Covid 19 in un laboratorio privato di Marsciano, quindi a pagamento, ed è stato travolto da una bufera social alimentata, prevedibilmente, dalle difficoltà di tracciamento della sanità pubblica e dallo stop ai controlli anche agli asintomatici entrati in contatto con un positivo.

Bufera sul vicesindaco Nel post dell’amministratore comunale si legge «chi può si controlli ogni tanto, è un servizio che rende a se stesso e agli altri», a seguire una serie di informazioni di dettaglio che vanno dalla necessità di avere una prescrizione medica per sottoporsi al tampone, fino agli orari di funzionamento del servizio, numero di telefono e indirizzo mail del laboratorio. Nel giro di pochi minuti si è scatenato il putiferio tra chi domandava se stesse pubblicizzando «un servizio sanitario privato nel bel mezzo di una pandemia» e chi evidenziava «peccato che non tutti se lo possano permettere».

«Una leggerezza» Raggiunto telefonicamente da Umbria24, Pilati, 37 anni, ha spiegato: «Non ho nessuno interesse personale neanche collaterale con la clinica, rendevo soltanto nota l’attivazione di un servizio, l’unico nel territorio comunale. Capisco i mal di pancia della cittadinanza in questa fase, ma la discussione è stata caratterizzata da un elevato grado di strumentalità, perché molti di quelli che hanno commentato sono militanti di partiti di sinistra. In ogni caso, ci tengono a dirlo, non mi sono sottratto al confronto politico con toni pacati, a cui da liberale do un grande valore». Sull’opportunità per un amministratore pubblico di pubblicizzare un servizio sanitario privato, Pilati dice: «Mi sta chiedendo se mi sono pentito di quel post? Posso aver sottovaluto, aver compiuto una leggerezza, ma non ho fatto un errore mortale». No, certo.

@chilodice

I commenti sono chiusi.