mercoledì 30 settembre - Aggiornato alle 09:22

Coronavirus, Pd a giunta: «Basta polemiche strumentali, aderiamo a raccolta fondi»

I consiglieri dem: «Tesei e Coletto pensino a loro ritardi». De Luca (M5s) e Bettarelli (Pd): «Test su operatori sanitari»

L'aula del Consiglio regionale

«La martoriata comunità umbra ha bisogno di unità di tutte le Istituzioni» e «al contrario dell’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto e della presidente Donatella Tesei, in piena emergenza sanitaria, noi non intendiamo cedere ad attacchi strumentali». Il gruppo consiliare del Partito democratico in consiglio regionale (Bori, Bettarelli, Meloni, Paparelli, Porzi) in una nota congiunta, rimarcano come  «è il momento di scegliere e di agire in maniera solidale e concreta al fianco della nostra regione, a sostegno delle persone che in questo momento stanno combattendo questa guerra». Il riferimento è agli attacchi della presidente e dell’assessore al governo Conte.

Basta polemiche «Devono cessare le inutili, quanto sterili, polemiche – aggiungono gli esponenti dell’opposizione -. Ci si impegni, piuttosto, a fare la propria parte, visti i tanti ed ingiustificati ritardi accumulati in Umbria sul fronte sanitario e non solo. Noi – assicurano – cerchiamo di fare la nostra parte con proposte e gesti responsabili, come quello di votare a favore della raccolta fondi della Regione Umbria per l’emergenza Covid-19 e di esserne i primi sottoscrittori come consiglieri regionali, ma vogliamo fare di più: alle tante democratiche e ai tanti democratici dell’Umbria va il nostro appello a mobilitarsi per sostenere l’acquisto di tamponi, mascherine, camici, guanti e altri dispositivi di protezione individuale, da destinare prioritariamente ai Codiv-Hospital e alla medicina territoriale, indispensabili a chi sta operando, con generosità e coraggio, nell’ambito dell’emergenza Covid-19».

Raccolta fondi Nella nota congiunta, i consiglieri del Partito si dicono «certi che la comunità democratica saprà dimostrare, ancora una volta, la propria generosità». «Per aderire – spiegano i consiglieri Dem – basterà donare, anche cifre simboliche, tramite l’apposita piattaforma a questo link: https://www.paypal.com/pools/c/8nBKLzritZ. Il ricavato sarà interamente devoluto e versato sul conto corrente della Regione Umbria dedicato all’Emergenza Coronavirus. La raccolta fondi – ricordano – fa seguito all’iniziativa intrapresa nei giorni scorsi dagli stessi consiglieri regionali dem che hanno scelto di donare metà del loro stipendio complessivo in favore dell’emergenza Covid-19».

Tamponi: nota di De Luca e Bettarelli Intanto i consiglieri regionali Thomas De Luca (M5s) e Michele Bettarelli (Pd) chiedono che vengano fatti i test per il coronavirus su «operatori sanitari e persone esposte». «Non possiamo continuare – spiegano De Luca e Bettarelli – a combattere con le bende agli occhi. Alla luce delle evidenze di questi ultimi giorni si rende imprescindibile attuare un’azione massiccia con test e tamponi a tappeto nei confronti degli operatori sanitari e dei soggetti maggiormente esposti, in via prioritaria quando questi si sono trovati ad operare in situazioni dove non è stato possibile distribuire i dpi necessari. In questo caso i tamponi andrebbero resi obbligatori. Sempre più soggetti dal mondo medico e scientifico stanno convergendo sul fatto che occorra moltiplicare gli sforzi per estendere il più possibile i controlli e verificare chi, al di là dei sintomi, sia positivo al coronavirus in modo da rompere le catene della trasmissione».  «È necessario – proseguono De Luca e Bettarelli – potenziare i laboratori analisi con nuove strumentazioni e risorse, vanno acquisite tutte le più affidabili tecnologie di diagnosi veloce che possono coadiuvare e sostenere il lavoro dei laboratori, che rimane centrale».

I commenti sono chiusi.