domenica 26 febbraio - Aggiornato alle 01:54

Il consigliere regionale Claudio Ricci: «Avvistamenti Ufo attendibili, siamo vicini al contatto»

L’ex sindaco di Assisi e portavoce del centrodestra: «Presto l’annuncio dei governi». Ironia degli utenti: «Secondo te hanno le antenne?»

Claudio Ricci (foto F.Troccoli)

Un post quantomeno curioso (forse ironico?) che ha attirato in ogni caso molte reazioni, soprattutto sarcastiche, quello del consigliere regionale Claudio Ricci, già portavoce del centrodestra e candidato alla presidenza della Regione nel 2015 contro Catiuscia Marini, arrivando a sfiorare la vittoria con il 39,27% dei voti.

Il post sugli Ufo Ricci, tra l’altro ingegnere, nel suo post afferma che «esistono 1 milione di rapporti, nel mondo, su avvistamenti di Ufo» e «200.000 sono molto attendibili». Ma arriva perfino a prefigurare nel 2017/2020 un «annuncio dei Governi». E dunque invita a prepararsi «a questa evoluzione cosmica ed etico tecnologica». E commentando, poi, aggiunge: «Siamo vicini al contatto, ci sono molti segnali».

Ironia Inevitabile che abbia suscitato l’ironia. C’è chi chiede: «secondo te sono verdi? Hanno le antenne?». Oppure chi esorta: «Aiutiamoli nei pianeti loro!!!!!11!!!!1». E perfino chi la butta in politica: «spero che potranno votarti alle prossime elezioni per togliere il Palazzo dalle mani della “sinistra”».

  • io

    votatelo, mi raccomando

  • GIANNI FAVERO

    Considero perfettamente plausibili e degne di attenzione le affermazioni del Consigliere Claudio Ricci. Chi fa al riguardo commenti sarcastici semplicemente non conosce il fenomeno UFO nella sua vastita’ e complessita’. E di sicuro ignora che fu proprio l’ On. Giulio Andreotti che nel 1978, anche dietro interrogazioni parlamentari facenti seguito alla enorme ondata di avvistamenti di UFO che interessò anche l’ Italia, demando’ alla nostra Aeronautica Militare, e nello specifico al suo Reparto Generale Sicurezza, o RGS, il compito di seguire e catalogare anno per anno gli avvistamenti di OVNI, Oggetti Volanti Non Identificati.
    Negare nel 2017 l’ esistenza degli UFO è un falso ideologico, e irridere la possibilità che parte di essi possa essere costituita da astronavi extraterrestri è semplicemente anacronistico.
    Esprimo quindi al Consigliere Ricci i più vivi complimenti per il suo coraggio e la sua apertura mentale e lo sprono ad andare avanti sicuro per la sua strada.
    Gianni Favero

  • GIANNI FAVERO

    Ho fatto un commento circa 2 ore fa ma non lo vedo pubblicato. Devo dedurre che è stato bocciato?

  • GIANNI FAVERO

    Chi volesse documentarsi con un minimo di informazione, soprattutto prima di fare commenti sarcastici ormai inutili e fuori tempo, può andare sul sito dell,’ Aeronautica Militare Italiana, e cercare la voce OVNI , ovvero Oggetti Volanti Non Identificati. Troverà anno per anno le segnalazioni pervenute tramite le Forze dell’ Ordine. Ovviamente prima di essere catalogati come Ovni, o Ufo, sono state vagliate tutte le altre possibili spiegazioni. Quindi, non essendo state trovate spiegazioni, gli oggetti in questione sono entrati a far parte della categoria OVNI. Negarne l’ esistenza e’ quindi impossibile, oltre che stupido.
    Gianni Favero

  • GIANNI FAVERO

    Sempre per chi vuole documentarsi prima di aprire bocca, ecco i 701 casi di UFO a cui l’ Aeronautica Statunitense, in veste della Commissione Governativa nota come “progetto Blue Book”, non ha saputo dare alcuna spiegazione.

    Gianni Favero

    http://www.ufocasebook.com/bluebook1.html

  • Fabio Bianchi

    nessuno nega l’esistenza degli UFO. Se ne denigra l’associazione a forme di vita non terrestri. dopotutto lo dice la stessa definizione che ne hai dato tu. Sono oggetti sconosciuti/non identificati.

  • GIANNI FAVERO

    Per gli scettici ad oltranza e i pigri di natura segnalo il link del sito del nostro RGS, il Reparto Generale Sicurezza dell’ Aeronautica Militare, e precisamente la pagina dedicata agli OVNI, gli Oggetti Volanti Non Identificati. Gli UFO, come sono comunemente chiamati. Sottolineo che questa e’ solo una parte degli avvistamenti catalogati, una parte piu’ consistente dei files italiani si trova nel libro UFO – I Dossier Italiani, dei giornalisti di frontiera, destinati soprattutto a reportages da zone militari, Lao Petrilli e Vincenzo Sinapi.

    Gianni Favero

    http://www.aeronautica.difesa.it/organizzazione/loStatoMaggiore/organigramma/RGS/Oggetti%20Volanti%20Non%20Identificati/Pagine/default.aspx

  • GIANNI FAVERO

    L’ origine extraterrestre di parte degli UFO non puo’ essere ne’ negata ne’ denigrata in alcun modo. Occorre tenere conto che in molti avvistamenti, anche da parte di piloti militari e civili, e confermati dai radar, oltre che da occhio umano, tali oggetti appaiono dotati di manovrabilita’ e tecnologia di gran lunga superiori ai nostri piu’ moderni mezzi tecnologici. Come esempio ricordero’ i tentativi di scramble nei cieli di Washington del luglio 1952 e di Tehran del 1976, e di Pereslavl Zalesskij, in Russia, del marzo del 1990, come ammesso dall’ allora capo di stato maggiore della Difesa dell’ URSS Igor Mikhajlovich Maltzev. Aggiungo gli avvistamenti del Belgio del 1990 e 1991 e le dichiarazioni del colonnello De Brouwer circa le manovre dell’ UFO durante un tentativo di inseguimento da parte di due F-16 dell’ Aeeronautica Belga. Solo per fare qualche esempio….

  • Leonardo Armando Iarrusso

    anche se non può essere negata, anche se fossero presenti sulla terra esseri alieni … l’affermazione del sig. Riggi è una puttanata pazzesca.
    Non serve propinare pappardelle inutili se in realtà i governi non hanno nessuna necessità, né i dati reali, per poter fare “annunci” che neanche è necessario fare a livello governativo … ma bastanerebbero le notizie sui giornali (es. “è arrivato sulla terra pinco palla”).
    Dai governi, qualora ci fosse un mezzo per comunicare e società ben distinte, sarebbe immediato, e non prevedibile (alla ricci), l'”annuncio dai governi” della presenza e della cooperazione, o meno, con soggetti extraterrestri.

    Queste cazzate da parastudiosi veramente lasciano il tempo che trovano.
    Al posto di fare annunci, che statisticamente potrebbero risultare “sempre veri”, si pensasse a risolvere i problemi per cui si viene delegati sulla terra.

  • GIANNI FAVERO

    Vorrei fare ancora una considerazione, forse ovvia. Dal punto di vista deontologico, non sono i Militari a doverci dire che cosa sono gli UFO, o OVNI. Loro, come nei casi da loro esaminati e vagliati, possono semplicemente dirci che cosa NON sono gli OVNI. E cioe’ non sono palloni sonda, armi convenzionali, aerei, missili, fenomeni meteorologici o naturali, e quant’ altro dir si voglia. Chi deve dire invece che cosa SONO gli Ufo sono in prima istanza gli scienziati, che quindi se ne devono occupare seriamente, visto che il fenomeno in questione esiste, resiste e persiste, e in seconda istanza proprio i politici, che in base alle conclusioni degli scienziati devono informare l’ opinione pubblica attraverso i media circa la natura degli OVNI. A maggior ragione se si assoda che gli UFO sono navi spaziali di origine extraterrestre, in quanto tale notizia avrebbe un impatto notevole sulla scienza, le religioni, l’ economia e tutte le attivita’ umane. Secondo me una notizia del genere rivestirebbe un carattere mondiale, e dovrebbe essere quindi oggetto di discussione in sede internazionale, e di divulgazione da parte dei governi. Io non voglio pensare che ce la nascondono, ma certo non viene dato al fenomeno il rilievo che gli spetterebbe. Per questo direi che e’ vero che una rondine non fa primavera – e mi riferisco alle affermazioni del Consigliere Claudio Ricci – ma e’ proprio da parte dei suoi colleghi politici che la materia deve essere presa in seria considerazione , a tutti i livelli, mettendola all’ ordine del giorno nelle opportune sedi, come fece a suo tempo il Presidente del Consiglio Giulio Andreotti.
    Gianni Favero

  • GIANNI FAVERO

    Vorrei rispondere qui al Signor Leonardo Santin. Lui dice che eventuali civiltà Aliene non possono venire qui adducendo il solito discorso delle distanze interstellari. E’ un ragionamento “medioevale”, mi perdoni il Signor Santin. E’ come se nel 1400 gli abitanti di Assisi, tanto per rimanere in latitudine geografica, avessero assistito al passaggio di un aereo. Sicuramente gli abitanti dell’ epoca, scienziati compresi, si sarebbero scagliati contro l’ eventualita’ che quello potesse essere un oggetto di metallo contenente uomini, adducendo a motivo il fatto che era considerato impossibile che un oggetto piu’ pesante dell’ aria potesse volare, tanto piu’ con degli uomini dentro. Noi siamo nel 2017, e ragioniamo con metro relativo alla scienza dell’ epoca in cui viviamo. Ma ci sara’ la scienza del 3017, del 4017 e del 5017. Noi non abbiamo la minima idea di cosa ci diranno quelle scienze. Il Signor Santin la puo’ pensare come vuole, ma il suo negazionismo sa di bufala. Come sa di bufala la sua affermazione : “L´ufologia (con presenza aliena) é piú che altro una forma “religiosa” che si basa su “speranze” soprannaturali extraterrestri! Con Visioni e testimonianze del tipo Apparizioni della Madonna! Chissá perche mai fedelmente documentate e provate da Foto o Film! (senza trucchi o fotoshop!)”. Evidentemente il sig. Santin non sa né cos’e’ l’ Ufologia – la quale si pone in atteggiamento di scetticismo costruttivo, partendo dal presupposto che gli UFO esistono e vanno studiati con una tecnica interdisciplinare, che spazia dalla fisica all’ astronomia, né sa che esistono migliaia di rapporti in cui si ha e si e’ avuto il riscontro oggettivo della presenza di questi oggetti nei nostri cieli. Parlo di Radar e di testimonianze di testimoni assolutamente attendibili, come piloti militari.
    Io, da semplice appassionato del fenomeno, lo seguo da oltre 50 anni, e personalmente sono favorevole alla tesi della provenienza extraterrestre di parte degli OVNI, non essendovi altra spiegazione logica e plausibile.
    Gianni Favero

  • GIANNI FAVERO

    Intanto questa discussione, innescata dalle parole del Consigliere Claudio Ricci, per me ha portato a due punti fermi:
    1. Non e’ piu’ possibile negare l’ esistenza degli UFO, ossia degli Oggetti Volanti Non Identificati.
    2. Non e’ ammissibile allo stato delle cose negare né denigrare l’ ipotesi della loro provenienza extraterrestre.
    Venendo al commento di cui sopra:
    – I giornali hanno riportato molte volte casi di atterraggio di questi UFO e di presenza dei loro equipaggi, ma la notizia o non e’ stata presa sul serio o non ha avuto la risonanza che meritava.
    – Esiste il concetto di “mainstream”, ovvero di adeguamento ad una corrente di pensiero consolidata. Se la maggior parte dei giornali ad esempio ironizza sul fenomeno UFO, e’ probabile che quasi tutti i giornali si adeguino e facciano altrettanto, per non turbare lo status quo.
    – Un annuncio del genere, per la sua importanza e portata mondiale, deve essere per forza fatto dai Governi, che devono spiegare alla popolazione cosa sta accadendo.
    – Ogni presa di posizione da parte di Politici di professione, oltre ad essere espressione della loro liberta’ personale, e’ benvenuta in quanto rompe il muro di silenzio, forse voluto, da cui e’ circcondato l’ argomento.
    – E’ verosimile che proprio i governi abbiano dati reali piu’ che sufficienti per dire che cosa sono gli UFO.
    Gianni Favero

  • io

    nel 1400 non esistevano scienziati…il metodo scientifico venne codificato solo 2 secoli dopo. Capisco che la confusione mentale possa far scrivere castronerie, oltre che originare psicosi di massa. L’unica forma di vita aliena in questa pagina e’ Ricci stesso

  • GIANNI FAVERO

    Lei ha poco da scherzare sul Fenomeno UFO, che non conosce minimamente. E’ come se io, che non capisco nulla di calcio, volessi disquisire sulla capacita’ calcistiche di Higuain o Dybala. Quindi prima di parlare e fare battute stupide e desuete si informi, studi la fenomenologia UFO almeno di questi ultimi 70 anni e poi dia dei giudizi. Il Signor Ricci ha detto cose giuste e pertinenti, meritevoli di assoluto rispetto.

  • io

    nel 1400 non esistevano scienziati, ripeto. se lei pensa sia uno scherzo dovrebbe però capire che il metodo scientifico viene definitivamente strutturato con la codifica del calcolo infinitesimale (fine 1600) da Leibnitz (e quasi indipendentemente da Newton). Quindi, prima di allora, non esistevano scienziati perche’ non esisteva scienza perche’ non esisteva il metodo.
    Sul fenomeno UFO è ovvio che possa commentare e fare battute, non parliamo di discipline rigorosamente codificate dove dedizione e studio permettono l’accesso a contenuti altrimenti inarrivabili, parliamo infatti di contenuti popolari, da bar. Infatti lei giustamente fa riferimento all’ambito calcistico.
    Magari tra un convegno sulle scie chimiche e uno sull’autismo indotto dai vaccini, il sig. Ricci ha perso un’occasione per tacere.

  • GIANNI FAVERO

    Vede caro signore, dove lei sbaglia e’ quando asserisce che il fenomeno UFO e’ un fenomeno da bar, e questo evidentemente perché lei del fenomeno in causa non conosce nulla, e pur non conoscendo nulla si lascia andare a dei giudizi denigratori. Il mio paragone col calcio voleva semplicemente significare che per dare dei giudizi bisogna conoscere le cose. Io non so nulla di calcio, quindi evito di dare giudizi sul calcio. Gli UFO non hanno nulla a che fare con fenomeni da bar, scie chimiche e quant’ altro. Per fare un esempio, solo uno dei tanti della storia del fenomeno, le riportero’ le affermazioni dell’ ex capo di stato maggiore dell’ Aeronautica dell’ URSS, relativo ad un avvistamento radar visuale avvenuto supra la base missilistica di Pereslav Zalesskij, non distante da Mosca, il 30 marzo del 1990. I caccia russi si erano levati in volo per cercare di intercettare degli oggetti discoidali che manovravano sulla zona. Ci sono anche i rapporti dei piloti, ma per brevita’ riportero’ solo le conclusioni del Generale Igor Mikhajlovich Maltzev.

    IL
    COMMENTO DEL GENERALE

    IGOR MIKHAJLOVICH
    MALTZEV

    “Stando ai resoconti dei miei piloti, gli oggetti sconosciuti si presentavano come oggetti discoidali di diametro
    variabile tra i 100 e i 200 metri. Sui lati di ogni oggetto erano
    visibili delle luci intermittenti e pulsanti. In particolare si e’
    potuto osservare che quando l’ oggetto volava in assetto orizzontale la linea delle luci era disposta parallelamente all’ orizzonte, mentre quando tale oggetto si spostava in verticale la linea delle luci pulsanti era perpendicolare al terreno. Inoltre l’ oggetto ruotava attorno al proprio asse, ed eseguiva delle manovre di volo “a serpentina”, sia sul piano orizzontale che su quello verticale. L’ UFO si presentava ora in posizione di immobilita’ rispetto al terreno, ora eseguiva movimenti a velocita’ di 2-3 volte superiori a quelle di un moderno caccia. Tutti gli osservatori sono stati concordi nell’ affermare che la luminosita’ delle luci laterali era in diretta correlazione con la velocita’ di volo dell’ UFO.

    Gli oggetti hanno effettuato manovre volando ad altezze variabili tra i 1.000 e i 7.000 metri di quota, ed il movimento degli UFO non era accompagnato da alcun rumore, ne’ da suoni di alcun genere. Gli UFO erano assolutamente silenziosi, estremamente manovrabili, sembravano volare come privi di inerzia.
    In altre parole, “giocavano” con la forza di gravita’.
    Ritengo impossibile che qualche meccanismo terrestre disponga, allo stato attuale, di queste caratteristiche.
    Gli oggetti sono stati rilevati e registrati dai nostri radar in maniera
    inequivocabile”.

    Questo e’ quanto. Se poi lei vuole continuare a considerare il fenomeno UFO come un fenomeno da bar faccia pure, la Storia pensera’ a smentirla.
    Per concludere, direi che chi ha perso un’ occasione per tacere e’ proprio lei, e non il signor Ricci, a cui va tutta la mia stima.
    Cordiali saluti
    Gianni Favero

  • GIANNI FAVERO

    Una notizia fresca per chi vuole approfondire: i casi conclamati di UFO negli Stati Uniti secondo il Progetto Blue Book, la Commissione Ufficiale di inchiesta che sotto vari nomi agi’ dal 1947 al 1969, sarebbero ben 1700 su 12.000 esaminati, e non 701 come precedentemente noto. Cio’ significa piu’ del 14% dei casi esaminati. Il consigliere Ricci non ha solo ragione, ha stra-ragione!

    Gianni Favero

    http://www.cisu.org/wp-content/uploads/2017/01/Sparks-CATALOG-BB-Unknowns-1.27-Dec-20-2016.pdf