Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 28 ottobre - Aggiornato alle 09:37

Congresso Pd, De Rebotti lascia l’Anci regionale: ora un reggente e poi elezioni

Il sindaco di Narni si è candidato alla segreteria dem: «Lo faccio per rigore, coerenza e rispetto istituzionale»

Francesco De Rebotti (foto Rosati)

A meno di un anno dalla rielezione, Francesco De Rebotti lascia la presidenza di Anci per cercare di conquistare la segreteria del Partito democratico umbro. Lunedì sono state depositate le quattro candidature e martedì, in una lettera (inviata ai sindaci, alla presidente della Regione Donatella Tesei, a quello del consiglio regionale Marco Squarta, a quello di Anci nazionale Antonio Decaro e al presidente del consiglio nazionale Anci Enzo Bianco) ha spiegato che si tratta di una decisione che «determina scelte necessarie e collegate, motivate dalla volontà di non sovrapporre l’impegno per contribuire alla rigenerazione della comunità politica a cui appartengo, al ruolo istituzionale in Anci, che richiede terzietà nel rispetto degli enti locali umbri, notoriamente plurali».

I QUATTRO CANDIDATI IN CORSA

PD, DE REBOTTI: «È ORA DI RESETTARCI»

GLI ATTUALI VERTICI DI ANCI UMBRIA

La lettera Scelte che a scanso di equivoci «vanno fatte subito, non all’esito del congresso. Per rigore, coerenza, rispetto istituzionale – spiega il sindaco di Narni – dopo sei anni mi trovo quindi nelle condizioni di dover rassegnare le dimissioni. Tale scelta è ulteriormente motivata sia dal rispetto dovuto ai tanti bravi amministratori che ogni giorno affrontano una situazione sempre più complessa, sia dall’esigenza di garantire il massimo impegno possibile per tentare di risollevare le sorti del partito al quale sono iscritto». Nella lettera De Rebotti ringrazia i sindaci, il segretario generale Silvio Ranieri e promette che continuerà «a sostenere la collaborazione tra enti Locali, fondamentale strumento di analisi, crescita, costruzione di futuro». A breve sarà nominato un presidente reggente che, nel giro di pochi mesi, porterà l’Anci regionale a nuove elezioni.

I commenti sono chiusi.