Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 15 aprile - Aggiornato alle 00:48

Centrodestra trova l’accordo su Assisi: Cosimetti è il candidato sindaco che sfiderà Proietti

Ingegnere di 44 anni alla prima esperienza politica, la coalizione: «Restituire alla città il ruolo che merita nel mondo»

A tentare di sfilare la fascia tricolore al sindaco Stefania Proietti sarà Marco Cosimetti. Il centrodestra, infatti, ha trovato la quadra intorno alla candidatura dell’ingegnere quarantaquattrenne, alla prima esperienza politica, ma che avrà come obiettivo quello di «condurre Assisi fuori da questa situazione difficile» da un punto di vista sanitario ed economico, così da «restituirle il ruolo che merita nel mondo», come si legge in una nota.

NO SEGGI NELLE SCUOLE E SUL VOTO POSSIBILE RINVIO 

Cosimetti candidato sindaco Cosimetti, che è un imprenditore del comparto edile, si è sempre occupato di gestione aziendale e, data la fase, probabilmente è questo che ha convinto Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia e civiche (non è chiaro quante saranno le liste) a convergere sull’ingegnere, sposato con tre figli. «L’abilità di un manager che con passione si dedica, per la prima volta, alla politica, conferisce metodo alla squadra, creando le condizioni per una politica concreta e inclusiva aperta al confronto con quanti vorranno apportare il loro contributo con il solo fine di migliorare la nostra straordinaria città di Assisi e con essa tutto il suo territorio».

«Assisi, città di pace medievale moderna» Il candidato sindaco del centrodestra sarà presentato nei prossimi giorni, ma intanto la coalizione che lo sostiene converge anche sulla visione di «Assisi, città di pace medievale moderna», come si legge in una nota in cui si evidenzia che «la vocazione turistico-religiosa della città, insieme all’immenso patrimonio storico e culturale, dovranno allinearsi con le strategie indicate dalla politica nazionale ed internazionale per una società attenta al green, rispettosa dell’ambiente e resiliente capace di migliorare le condizioni dei più deboli, supportare le attività economiche, creare occupazione, far ripartire il turismo».

I commenti sono chiusi.