Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 3 dicembre - Aggiornato alle 01:29

Castello, il pressing dei partiti per la formazione della giunta. In ballo anche le partecipate

Lunedì in programma l’unione comunale del Pd, poi le trattative entreranno nel vivo. Le ipotesi

Secondi e Bacchetta

di Daniele Bovi

Il gong ufficialmente suonerà martedì, una volta terminata la riunione dell’unione comunale del Pd prevista per la serata di lunedì, ma intanto le ipotesi e le richieste non mancano. Entrerà nel vivo la prossima settimana a Città di Castello la partita per la formazione della nuova giunta del neo sindaco Luca Secondi, al quale spetta ora il compito di trovare la quadra insieme ai partiti e alla lista civica che l’hanno sostenuto.

SECONDI VINCE GRAZIE ALLE FRAZIONI: L’ANALISI

GRAFICO: IL VOTO ZONA PER ZONA

Le trattative Ai dem lunedì toccherà capire con quali criteri scegliere i loro rappresentanti in giunta: se sulla base delle preferenze ottenute, come fatto in molte altre occasioni, o se imboccare strade diverse, tenendo comunque conto anche del criterio territoriale; di sicuro c’è che gli eletti sono otto e che a puntare a un posto in squadra sono in molti. Il Psi coi suoi quattro eletti punta in alto: Luciano Bacchetta, sindaco uscente, di fatto si è ‘candidato’ alla presidenza dell’assemblea ma nel mirino ci sono anche il vicesindaco, un assessorato e la presidenza della Sogepu.

GRAFICO: ECCO IL NUOVO CONSIGLIO COMUNALE

LA NUOVA MAPPA POLITICA DELL’UMBRIA

Partecipate e non solo E le partecipate rappresentano una pezzo della partita: oltre a Sogepu, che si occupa del delicato dossier rifiuti, in ballo ci sono la Polisport, le farmacie comunali e altre nomine alla Muzi Betti, alla Bufalini, alla Fondazione Burri, alla Fondazione Montesca e all’associazione Palazzo Vitelli; chi non dovesse entrare in giunta potrebbe trovare spazio da queste parti. Tornando a liste e partiti, la civica che ha sostenuto Secondi punta su Michela Botteghi e la Sinistra – che non ha eletto – ha messo sul piatto il nome di Mauro Alcherigi; a voler partecipare, infine, ci sono anche Italia viva e Azione. Dalla prossima settimana si entra nel vivo e i posti in giunta, escluso il sindaco, sono sette.

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.