lunedì 20 maggio - Aggiornato alle 23:32

Arrone Domani, ecco la lista con Di Gioia candidato sindaco: «Lavoriamo per il futuro»

Il giornalista che attualmente lavora in Ast a capo del gruppo di democratici e riformisti

Fabio Di Gioia è il candidato sindaco di ‘Arrone Domani’, in vista del voto di maggio anche nel Comune della Valnerina. Il gruppo dei democratici e riformisti del paese spiega in una nota: «Domani perché il nostro sguardo non può che essere rivolto al futuro, è il segno del nostro senso di responsabilità, senza tempo, verso i cittadini di oggi ma soprattutto quelli di domani appunto. La nostra missione è raccogliere i frutti di quanto di buono fatto dall’amministrazione uscente ma anche preparare il terreno perché tra cinque, dieci, venti anni, altri possano raccogliere quanto di più buono sapremo seminare».

Il candidato Nato a Terni e dalla prima adolescenza cresciuto ad Arrone, Fabio Di Gioia ha 39 anni e vanta una pluriennale esperienza all’interno di Acciai Speciali Terni, che lo ha visto impegnato anche in attività sindacali. Attualmente lavora come giornalista all’ufficio Relazioni Esterne di Ast. Ha militato nella Sinistra Giovanile, poi ha contribuito alla nascita del Partito Democratico, convinto che quello potesse essere il contenitore dei propri ideali. Ha maturato un’esperienza amministrativa nel corso dell’ultima consiglia tura Fioretti ad Arrone e a capo del Pd locale. «La mia militanza di circolo, a cui devo parte della mia formazione, il senso di appartenenza alla comunità arronese, la bellezza e la soddisfazione dell’impegno profuso in questi anni in consiglio comunale – dichiara Di Gioia – mi hanno spinto ad accettare la richiesta di scendere in campo per il mio paese».

Il Partito Democratico regionale «Ad Arrone il PD sostiene convintamente e con forza la candidatura di Fabio Di Gioia a sindaco della comunità e l’ampia coalizione di centrosinistra che si è stretta intorno alla sua proposta ed al suo programma. È un sostegno che definisce chiaramente il perimetro all’interno del quale tutti gli iscritti del PD sono chiamati ad impegnarsi e dare un contributo per vincere la sfida elettorale. Altrettanto chiaramente si sottolinea che chi si pone in alternativa alla candidatura di Di Gioia, nei fatti, si pone autonomamente ed automaticamente al di fuori della comunità democratica».

Sostegno della Federazione Provinciale del Partito Socialista «Sosteniamo con convinzione e impegno la candidatura di Fabio Di Gioia a sindaco del Comune di Arrone è quanto affermano dalla Federazione provinciale di Terni del Partito Socialista e dalla sezione di Socialista di Arrone. La candidatura di Fabio Di Gioia è un bel segnale per i cittadini di Arrone; un giovane che ha già fatto un’esperienza all’interno del consiglio comunale, una persona capace, impegnata nella società civile. La sua candidatura è inoltre frutto di un percorso condiviso e di un serrato confronto e non di individualismi o personalismi. Siamo pronti a lavorare con lui e per lui – concludono i socialisti di Arrone – mettendo a disposizione una nostra candidatura nella lista».

Sostegno di Articolo 1 «Sosteniamo convintamente la candidatura a sindaco di Arrone di Fabio Di Gioia perché riteniamo che rappresenti per il territorio una opportunità vera di rinnovamento nel solco degli ideali di sinistra nei quali ci riconosciamo. Saremo attivi e presenti sul territorio per aiutarlo nel vincere la sua sfida che è la nostra sfida». Il consigliere comunale di Senso Civico a Terni, Alessandro Gentiletti aggiunge: «La candidatura di Fabio rappresenta una buona notizia per Arrone e la Valnerina tutta. La sua esperienza è in piena continuità con quanto stiamo facendo a Terni ed in modo autentico può veramente rappresentare il miglioramento di Arrone, uno dei gioielli più affascinanti della nostra provincia. Sarò al suo fianco in prima linea».

I nomi Il candidato sindaco è Fabio Di Gioia, i candidati consiglieri sono Roberto Serafini, Giampaolo Grechi, Roberto Galeazzi, Valentina Bartolini, Giuseppe Fiocchi, Roberta Ascani, Massimo Luzzi, Sara Cesani, Giorgio Mosti, Ildiko Szasz

I commenti sono chiusi.