mercoledì 30 settembre - Aggiornato alle 05:26

Arpa, giunta regionale nomina Proietti nuovo dg. Bilancio, 3 mesi di esercizio provvisorio

L’ingegnere sostituirà l’uscente Ganapini, in tutto presentati 10 curriculum. Rimandati i dossier su quote associative e Arpal

Palazzo Donini, sede della giunta regionale (foto F. Troccoli)

di Daniele Bovi

Una tra le caselle più importanti nell’ambito del maxi giro di nomine in ballo nei prossimi mesi è stata riempita. Mercoledì la giunta regionale dell’Umbria ha deciso di scegliere come nuovo direttore generale di Arpa (l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente) Luca Proietti, ingegnere di 49 anni originario di Montefalco, fino a oggi coordinatore dei distretti Area vasta dell’Asl 2 e dirigente della sezione Foligno-Spoleto di Arpa. Il mandato per Proietti, che da anni lavora nell’Agenzia in cui ha ricoperto diversi ruoli, è di cinque anni e lo stipendio sarà pari all’80% di quello dei direttori generali delle Asl, che incassano circa 130 mila euro lordi all’anno.

IL MAXI PACCHETTO DI NOMINE

I candidati A breve arriverà la firma del decreto da parte della presidente Donatella Tesei e in tutto a presentare il proprio curriculum sono stati in dieci: i nomi sono quelli di Enrico Brugnoli (romano, direttore del Dipartimento ambiente del Cnr), Andrea Casciari (attualmente commissario dell’Azienda ospedaliera di Terni), Dante De Paolis (dirigente dei Servizi finanziari del Comune di Perugia), Paolo Gattini (dirigente del settore Ambiente della Regione), Enrico Martelli (direttore amministrativo dell’Usl Umbria2), Andrea Monsignori (altro dirigente del settore ambiente della Regione), Alberto Naticchioni (fino a metà 2020 amministratore unico della Scuola umbra di amministrazione pubblica), l’ingegnere assisano Stefano Proietti Nodessi e Adriano Rossi (anche lui dipendente di Arpa).

La ‘benedizione’ di Carissimi A ‘benedire’ la nomina di Proietti è il consigliere regionale della Lega Daniele Carissimi (per diversi giorni assessore all’Ambiente in pectore prima che Melasecche vincesse il derby ternano): «Una persona seria, preparata e competente. È l’uomo giusto – dice – al posto giusto». Carissimi poi come fatto la settimana scorsa torna a chiedere lo spostamento della sede legale e direzionale di Arpa a Terni, una nuova autonomia gestionale e operativa dei dipartimenti, il ripristino della direzione tecnica e più assunzioni. «È dotato – conclude il consigliere – della sensibilità giusta per capire che l’area del ternano è quella con le maggiori criticità ambientali in tutta l’Umbria».

Esercizio provvisorio Sempre mercoledì la giunta, come preventivato già dalla prima seduta della settimana scorsa, ha  approvato il disegno di legge con cui si dà il via libera all’esercizio provvisorio fino al 31 marzo; una mossa resasi necessaria «al fine di dare continuità all’amministrazione regionale». Il bilancio previsionale 2020/2022 infatti andrebbe approvato entro il 31 dicembre ma di tempo non ce n’è. All’ultimo tuffo infatti il precedente consiglio, pochi giorni prima del voto, non è riuscito ad approvare il documento tecnico pensato dalla vecchia giunta e così, complici i tempi molto stretti e le commissioni che sono ancora da formare, a Palazzo Donini (dove è già all’opera, anche se ancora non formalmente, il nuovo capo di gabinetto Federico Ricci) si è fatta strada fin da subito l’idea di procedere per un periodo con l’esercizio provvisorio.

Gli altri temi Sempre rimanendo in tema di numeri, resta ancora da valutare l’idea della presidente Donatella Tesei di procedere con una verifica, da affidare ad alcuni esperti, sui conti della Regione sui quali peraltro ogni anno si esprimono sia la Corte dei conti che Standard&Poors. Rinviate invece a una prossima seduta, così da avere un quadro più chiaro della situazione, le decisioni sul destino delle quote associative che la Regione detiene in enti e associazioni. Da affrontare anche il capitolo Arpal, cioè la neonata Agenzia regionale per il lavoro; qui il nodo è capire se strutturarla in modo definito o se farne a meno.

 Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.