lunedì 20 maggio - Aggiornato alle 23:30

Amministrative, a Guardea Valentini Marano sfida il sindaco uscente Lattanzi

Veterinario, ex consigliere provinciale scende in campo: «Per una concreta possibilità di crescita e sviluppo»

Sarà Pietro Valentini Marano il candidato sindaco nelle elezioni comunali di Guardea che sfiderà l’uscente del Pd Giampiero Lattanzi, già presidente della Provincia di Terni. Noto veterinario, per lunghi anni consigliere provinciale ed esponente della destra politica in tutto il comprensorio amerino ha deciso di accettare la sfida «che raccolgo – scrive – in nome e per conto dei tanti cittadini di che in queste settimane mi hanno espresso la loro fiducia chiedendomi di mettere a disposizione la mia esperienza per dare a Guardea una concreta possibilità di crescita e di sviluppo».

Valentini «Il mio legame con Guardea è solido e con radici profonde che si sono rinforzate anno dopo anno attraverso il legame familiare e quello lavorativo che mi ha permesso, in tanti anni di professione, di apprezzare lo sforzo di tanti che, nella loro attività quotidiana ,offrono uno spaccato della qualità che sotto ogni punto di vista è valore di crescita e di orgoglio per questa comunità. In queste ore dove le cronache regionali ci informano di inchieste che raccontano di un sistema politico malato che soffoca la libertà, il merito e la professionalità a vantaggio dei soliti noti- denuncia il candidato sindaco- la nostra risposta è quella di chi non si rassegna al declino e che mette in campo, anche a Guardea, una risposta alternativa politica e civica nello stesso tempo. Politica, perché la mia storia è quella dei movimenti e dei partiti che a testa alta hanno rappresentato l’opposizione a quel sistema e civica perché la discontinuità ed il futuro di Guardea passano attraverso il coraggio di tanti cittadini che fuori dagli schemi dei partiti reclamano libertà, trasparenza e futuro. L’idea della nostra comunità e di questo territorio proiettato nei prossimi anni – prosegue – è il progetto sul quale lavorare sin da oggi per tentare di incidere con una sinergia virtuosa con gli altri Comuni, per rompere l’isolamento di questo territorio e favorire la nascita di nuove opportunità soprattutto per i tanti giovani costretti ad emigrare altrove». Nei prossimi giorni – annuncia – la presentazione di lista e programma.

I commenti sono chiusi.