domenica 19 gennaio - Aggiornato alle 04:25

Amministrative, 68 comuni al voto in Umbria: oltre 562 mila cittadini alle urne, tutti i candidati e le liste

Un seggio di Ponte San Giovanni lo scorso 25 maggio (foto F.Troccoli)

di Daniele Bovi

Sessantotto comuni su 93, oltre 560 mila cittadini chiamati alle urne. Questi i numeri principali delle amministrative che si terranno in Umbria, come nel resto d’Italia, il 25 maggio. In tutti i comuni nella giornata di sabato sono scaduti a mezzogiorno i termini per la presentazione delle liste con tutti i candidati consiglieri, che riportiamo in fondo all’articolo. I posti a disposizione nei consigli comunali in molti casi, come noto, sono stati tagliati: con la prossima tornata elettorale infatti entra in vigore la riduzione degli scranni che a Perugia e Terni, ad esempio, passano da 40 a 32, mentre in città come Foligno e Spoleto saranno 24.  Sedici invece i posti nelle città tra 10 e 30 mila abitanti, 12 tra 3 e 10 mila e 10 per tutti gli altri piccoli comuni. Nei due capoluoghi di provincia si giocheranno le due partite politicamente più pesanti, quasi un antipasto delle regionali 2015, in vista delle quali sicuramente il voto di maggio darà delle indicazioni. A Perugia corrono in sei e l’obiettivo del centrosinistra guidato da Wladimiro Boccali è quello di spuntarla subito, senza rischiare alla roulette del ballottaggio dove in molti vedono non il centrodestra bensì Cristina Rosetti del M5S.

CON IL DDL DELRIO 276 POLTRONE IN PIÙ

Al voto Sette i comuni al voto sulle sponde del Trasimeno, in primis Magione e Castiglione del Lago; 13 in Altotevere con Gubbio e Gualdo che devono ritrovare una guida salda dopo la fine assai traumatica delle esperienze di Diego Guerrini e Roberto Morroni (che ci riprova), mentre il centrosinistra dopo l’elezione alla Camera di Giampiero Giulietti cerca la continuità con Marco Locchi. Nella media valle del Tevere invece la sfida più interessante è a Marsciano, dove Alfio Todini corre per conquistare un secondo mandato. Particolarmente interessante anche la competizione a Foligno e Spoleto dove, specialmente nel secondo caso, il Movimento 5 Stelle punta al bersaglio grosso. È questa infatti  la città dell’Umbria dove, probabilmente, i pentastellati sono più radicati e dove il centrosinistra è stato terremotato dal buco di bilancio e da settimane di caos sulla scelta del candidato sindaco.

IN 6 COMUNI UN SOLO CANDIDATO

Terni Ventiquattro invece i comuni al voto in provincia di Terni (ben 13 candidati e una sinistra che ha deciso di tentare la corsa solitaria) dove, al di là del capoluogo, bisognerà guardare con particolare attenzione a Orvieto: qui quattro liste sostengono il sindaco uscente Toni Concina, centrodestra, mentre cinque sono collegate a Giuseppe Germani del Pd. Poi, oltre a due civiche (Laura Ricci e Marco Frizza), anche qui corre il Movimento 5 Stelle con Lucia Vergaglia. Un Movimento che è in Umbria la vera incognita del 25 maggio e per il quale queste amministrative saranno un banco di prova, dove si vedrà se i pentastellati sono in grado di fare il salto di qualità. I risultati delle elezioni degli ultimi mesi hanno mostrato infatti una maggior debolezza del Movimento quando dalle elezioni politiche la competizione si è spostata alle amministrative. Ora però il maggior radicamento e il lavoro sul territorio, la forza intrinseca conquistata dal simbolo (al di là dei singoli candidati sindaco) e il possibile traino delle europee (fattore che dalle parti di Pd e Forza Italia preoccupa in particolari modo), potrebbero cambiare le carte in tavola e rompere, anche in Umbria, lo schema che ha visto alternarsi centrodestra e centrosinistra.

PERUGIA
TERNI
ORVIETO
I COMUNI DEL TRASIMENO
I COMUNI DELL’ALTOTEVERE
FOLIGNO
SPOLETO
I COMUNI DELLA VALNERINA
I 4 COMUNI DELLA VALNERINA TERNANA
SAN GEMINI, ACQUASPARTA E STRONCONE
GLI 11 COMUNI DELL’ORVIETANO
ALLERONA, BASCHI, OTRICOLI, PENNA IN TEVERINA
I COMUNI DELL’AREA VASTA
I COMUNI DELLA MEDIA VALLE DEL TEVERE
BASTIA UMBRA E TORGIANO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.