Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 18 agosto - Aggiornato alle 00:18

A Collestrada la stazione dell’aeroporto. Per l’Alta Velocità in Medio Etruria si muove il ministro

Sulla Foligno-Perugia-Terentola previsto anche lo spostamento dello scalo di Ellera sollecitato da Nestlé. Betti: «Errore imperdonabile»

©Fabrizio Troccoli

Realizzazione della stazione ferroviaria Aeroporto a Collestrada (Perugia), spostamento di quella di Ellera (Corciano) come richiesto da Nestlé e la costruzione di alcuni raddoppi di binario per velocizzare la tratta. Queste alcune delle opere che l’assessore regionale Enrico Melasecche intende portare a casa nell’ambito del potenziamento della linea ferroviaria Foligno-Perugia-Terentola, al centro di un protocollo di intesa firmato col ministro Enrico Giovannini e con la direttrice generale di Rfi Vera Fiorani. Sul fronte ferroviario, comunque, venerdì prossimo è atteso un incontro tra lo stesso Giovannini e la presidente di Regione, Donatella Tesei, per la realizzazione della stazione Medio Etruria dell’Alta Velocità.

A Collestrada la stazione dell’aeroporto «Il potenziamento della Foligno-Perugia-Terontola è da sempre strategico ed essenziale per l’Umbria e nell’assetto che va consolidandosi, assume un ruolo che, alla luce del potenziamento della Orte-Falconara» ha detto Melasecche mercoledì mattina, aggiungendo che lo sviluppo e il potenziamento della linea «va oltre la funzione di principale ramo del sistema del trasporto ferroviario interno alla regione, candidandosi a collegare l’area più densamente abitata della regione (compresa tra Foligno e Corciano), che include anche l’aeroporto internazionale San Francesco, ai nodi di Roma e Firenze». La stazione a servizio dello scalo aereo è anche concepita, nelle intenzioni della Regione, come collegamento al servizio di Umbria Fiere e Bastia e come opzione per alleggerire il traffico viario diretto al centro commerciale di Collestrada, dove si conta di realizzare la stazione. Per quanto riguarda la stazione di Ellera (Corciano), invece, lo spostamento sarebbe riconducibile alle richieste di Nestlé che ha individuato quello scalo come il più idoneo per il trasferimento delle merci in uscita e in entrata allo stabilimento Perugina.

Alta Velocità in Medio Etruria  Mercoledì mattina, poi, Melasecche ha parlato anche della stazione Medio Etruria dell’Alta Velocità, le cui sorti sono tornate al centro dell’azione politica delle Regioni Toscana e Umbria. Venerdì alla Sala dei Notari a Perugia è atteso Giovannini, ma al di là dell’arrivo del ministro, l’assessore con una nota riconosce che il progetto «andrà a dotare un vasto bacino che ricomprende le province di Perugia, Arezzo e Siena, dell’accesso alla direttissima in modo da poter usufruire di numerosi Frecciarossa verso il Nord ed il Sud del Paese rispetto all’unico attuale, peraltro costosissimo e insufficiente rispetto ai progetti di sviluppo che abbiamo per la nostra regione». Ma c’è da capire dove dovrà essere collocata la stazione.

Corciano A commentare le notizie relative alla linea ferroviaria Foligno-Perugia-Terontola è il sindaco di Corciano Cristian Betti, preoccupato per il «disagio» legato alla «paventata volontà di spostare la stazione di Ellera in un non precisato luogo su richiesta della Nestlé». Il che rappresenterebbe «un errore imperdonabile». «La stazione di Ellera – aggiunge – è un’opportunità per la mobilità alternativa e per quell’idea di metropolitana di superficie discussa in questi anni sui tavoli della politica provinciale e regionale. La stazione serve un territorio vasto, che copre un bacino di oltre 60 mila cittadini e questa notizia suscita molte preoccupazioni, sia perché non è chiaro dove la stazione debba essere spostata, sia perché l’azione appare tutta orientata a rispondere alle, seppure legittime, richieste di un’azienda. Sarebbe opportuno, su questo, un coinvolgimento delle istituzioni locali, a partire dal Comune di Corciano». Il sindaco infine ricorda che da anni viene chiesto un potenziamento di Ellera e che chiederà un incontro con Melasecche per comprendere le ragioni della proposta.

I commenti sono chiusi.