venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 05:13
20 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 09:07

Piediluco, riaffiorano reperti archeologici: bloccati i lavori al Centro remiero, via a verifiche

Soprintendenza sospende cantiere finanziato da Ast e prescrive azioni al Comune di Terni

Piediluco, riaffiorano reperti archeologici: bloccati i lavori al Centro remiero, via a verifiche

di Marta Rosati

Materiale in terracotta e ‘piani di vita’, così la Soprintendenza chiama i reperti archeologici rinvenuti a Piediluco nel sottosuolo del cantiere finanziato da Tk-Ast per la riqualificazione del Centro federale Paolo D’Aloja: lavori momentaneamente bloccati.

Lavori a Piediluco Da cronoprogramma la realizzazione di nuovi spogliatoi, accessi al lago e rimesse per le barche sarebbe dovuta terminare entro il mese prossimo ma il rischio è che non sarà così. Durante gli scavi infatti, di fronte all’attuale tribuna sono emerse testimonianze di insediamenti lungo lago risalenti ell’età del Bronzo e alla prima età del Ferro.Nella relazione inviata al Comune di Terni, la Soprintendenza fa riferimento a ipotesi avanzate da alcune associazioni ambientaliste quali Wwf, Vas e Verdi che avrebbero in qualche modo osteggiato l’intervento sull’area denominata ‘I Quadri’, in nome della salvaguardia del paesaggio e del patrimonio storico conservato nel sottosuolo.

Comune di Terni La Soprintendenza è vigile e in via cautelativa intanto ha sospeso l’attività del cantiere, riservandosi approfondimenti e prescrivendo alcune cose al Comune: l’ente di piazza Ridolfi, nelle persone del sindaco e del dirigente ai Lavori pubblici, dovrà valutare la sospensione delle operazioni di urbanizzazione dell’area; convocare la conferenza dei servizi per disporre eventuali correttivi al progetto definitivo e rispetto a questo non si esclude uno spostamento; infine Palazzo Spada dovrebbe quantificare i danni subiti dall’ambiente e sottoporre l’area a vincolo archeologico.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250