mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 05:26
30 aprile 2016 Ultimo aggiornamento alle 19:08

Perugia-Roma, tavolo tecnico con Alitalia: l’obiettivo è ripristinare un volo al giorno

Venerdì prima riunione tra lo scalo umbro, quello di Pescara e la compagnia. Presidente di Sase, all'inizio della prossima settimana l'avviso pubblico. Assemblea dei soci il 17 giugno

Perugia-Roma, tavolo tecnico con Alitalia: l’obiettivo è ripristinare un volo al giorno
L'Atr72 di Etihad-Alitalia a Perugia

di Daniele Bovi

Salvare un volo al giorno dei tre che c’erano fino a qualche giorno fa. Venerdì a Roma si è riunito per la prima volta il tavolo tecnico, frutto di quello più politico che si è tenuto meno di dieci giorni fa tra i presidenti di Umbria, Abruzzo e i vertici di Alitalia, in cui i direttori degli aereoporti di Perugia e Pescara (Piervittorio Farabbi e Luca Ciarlini) hanno cominciato a mettere le carte sul tavolo dell’ex compagnia di bandiera, rappresentata dal direttore Strategie e pianificazione John Shepley, cioè colui che decide le alleanze, le tariffe e dove volano gli aerei della società. L’obbiettivo generale di Umbria e Abruzzo è chiaro: far sì che che gli scali di Perugia e Pescara tornino nel network di Alitalia, anche se il problema è capire come.

«AEREOBUS»: GLI ORARI

Trattative Quel che è certo è che al momento si va avanti con gli «aereobus» che collegano Perugia (piazza Partigiani) e Pescara a Fiumicino e che i due scali vorrebbero ripristinare il collegamento con Roma attraverso Alitalia, escludendo per il momento altre compagnie. Più che un volo due o tre volte la settimana, che per entrambe le parti disegnerebbe un quadro troppo parcellizato, l’ipotesi sulla quale i due scali puntano è quella di far atterrare un volo all’andata, e uno al ritorno, una volta al giorno nel miglior orario possibile; quello, cioè, che consente di agganciare altri voli verso il resto del mondo, dato che la logica del collegamento con Roma è questa, non certo quella di prendere l’aereo per fare una gita fuori porta nella Capitale.

RIPARTONO I VOLI PER BRUXELLES E TRAPANI

Nuovo presidente Le due parti ovviamente dovranno trovare un accordo economico (per mantenere tre voli quotidiani Alitalia ha chiesto a Perugia una cifra fuori dalla portata di Sase, ovvero sei milioni di euro) e su questo, oltre che sui dettagli relativi al collegamento, si lavorerà nei prossimi giorni. Per lunedì o martedì è poi attesa la pubblicazione dell’avviso attraverso il quale i soci di Sase sceglieranno il nuovo presidente dello scalo. L’obbiettivo è quello di trovare un esperto in tema di trasporti, possibilmente con lunga esperienza gestionale e dirigenziale e un profilo internazionale che rimarrà in carica, benché probabilmente ciò non sarà specificato, per tre anni, tanto quanto il consiglio di amministrazione del quale farà parte. La scelta arriverà a metà giugno: per venerdì 17 infatti, alla faccia della scaramanzia, si terrà l’assemblea dei soci che, visti i curriculum, sceglierà il nuovo ‘pilota’ dello scalo.

Twitter @DanieleBovi

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250